2019 I/5

Estratto della decisione della Corte I
nella causa A. contro Amministrazione federale delle dogane (AFD)
A-2186/2018 del 15 febbraio 2019

Revoca dell'autorizzazione per la gestione di un deposito doganale aperto, a seguito di un vizio sopraggiunto posteriormente al suo rilascio (cambiamento della prassi amministrativa). Rinvio diretto della causa.

Art. 54 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD. Art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD. Art. 61 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA.

1. Condizioni alla base del rinvio diretto (" Sprungrückweisung ") della causa all'autorit di prima istanza ex art. 61 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA (consid. 2.3).

2. La revoca di una decisione cresciuta in giudicato avente effetti durevoli (" Dauerverfügung "), come quella di autorizzazione a gestire un deposito doganale aperto ai sensi dell'art. 54 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD, può intervenire solo in presenza di un vizio sopraggiunto posteriormente alla sua pronuncia. Qualora il vizio sia dovuto ad un'applicazione più restrittiva della legge in virtù di un mero cambiamento di prassi, la revoca è eccezionalmente ammessa soltanto se lo stesso è oggettivamente giustificato da motivi di interesse pubblico o di parit di trattamento (consid. 3.3.2).

Entzug der Bewilligung für den Betrieb eines offenen Zolllagers infolge nachträglicher Fehlerhaftigkeit (Änderung der Verwaltungspraxis). Sprungrückweisung.

Art. 54 Abs. 1 ZG. Art. 159 ZV. Art. 61 Abs. 1 VwVG.

1. Voraussetzungen für eine Sprungrückweisung der Sache an die erstinstanzliche Behörde gestützt auf Art. 61 Abs. 1 VwVG (E. 2.3).

2. Eine rechtskräftige Dauerverfügung wie die Bewilligung für den Betrieb eines offenen Zolllagers im Sinne von Art. 54 Abs. 1 ZG kann nur bei nachträglicher Fehlerhaftigkeit widerrufen werden. Ist diese Fehlerhaftigkeit die Folge einer restriktiveren Rechtsanwendung allein aufgrund einer Praxisänderung, ist ein Widerruf ausnahmsweise dann zulässig, wenn die Praxisänderung durch Gründe des öffentlichen Interesses oder der Gleichbehandlung objektiv gerechtfertigt ist (E. 3.3.2).

Retrait de l'autorisation d'exploiter un entrepôt douanier ouvert justifié par un vice apparu après la délivrance de l'autorisation (changement de la pratique administrative). Renvoi direct de la cause.

Art. 54 al. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD. Art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD. Art. 61 al. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA.

1. Conditions du renvoi direct (" renvoi sur renvoi ", " Sprungrückweisung ") de la cause l'autorité de première instance au sens de l'art. 61 al. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA (consid. 2.3).

2. Une fois entrée en force, une décision assortie d'effets durables (" Dauerverfügung "), telle qu'une autorisation d'exploiter un entrepôt douanier ouvert au sens de l'art. 54 al. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD, ne peut être retirée qu'en présence d'un vice apparu ultérieurement au prononcé de ladite décision. Si le vice en question est dû une application plus restrictive de la loi par la seule vertu d'un changement de pratique, le retrait est admis titre exceptionnel uniquement si ledit changement est objectivement justifié par des motifs d'intérêt public ou d'égalité de traitement (consid. 3.3.2).

La societ A. è titolare dell'autorizzazione per la gestione di un deposito doganale aperto (DDA) rilasciatole dall'Amministrazione federale delle dogane (AFD) il 26 ottobre 2012, valida dal 1° novembre 2012.

A seguito di un cambiamento di prassi dell'AFD, secondo cui per il rilascio dell'autorizzazione per la gestione di un DDA è ora richiesto che il deposito interessato registri più di 200 movimenti (entrate e uscite) di merci all'anno, con e-mail del 14 luglio 2017, l'Ispettorato doganale Mendrisiotto ha informato la societ A. che, poiché per l'anno 2016 essa avrebbe registrato dei movimenti ben al di sotto dei suddetti 200 movimenti, essa intendeva revocarle la sua autorizzazione per la gestione di un DDA del 26 ottobre 2012 e di non più rinnovargliela a partire dall'anno seguente.

Con e-mail del 18 luglio 2017, la societ A. ha postulato il mantenimento della suddetta autorizzazione, sottolineandone il carattere fondamentale e strategico per la propria attivit , nella quale avrebbe effettuato importanti investimenti sia in termini di risorse umane che economici.

Il 19 settembre 2017 l'AFD - e meglio, la Direzione del circondario delle dogane (di seguito: DCD) - ha sostituito l'autorizzazione del 26 ottobre 2012 rilasciata alla societ A. con una nuova autorizzazione avente validit limitata fino al 31 dicembre 2018.

Avverso la predetta autorizzazione, la societ A. - per il tramite del suo patrocinatore - ha presentato ricorso il 20 ottobre 2017 dinanzi alla Direzione generale delle dogane (DGD), postulandone in sostanza l'annullamento. Protestando tasse, spese e ripetibili, essa ha invocato la violazione del suo diritto di essere sentita per assenza di una motivazione sufficiente della decisione impugnata, l'arbitrariet della revoca e sostituzione dell'autorizzazione del 26 ottobre 2012 in assenza di una base legale sufficiente e, in ogni caso, dei presupposti per una tale revoca, come pure la violazione ingiustificata della sua libert economica, a difetto dei presupposti per una limitazione di detto suo diritto fondamentale.

Con decisione del 23 febbraio 2018, la DGD ha respinto il ricorso del 20 ottobre 2017 e confermato l'autorizzazione del 19 settembre 2017 della DCD.

Avverso detta decisione, la societ A. (di seguito: ricorrente) - sempre per il tramite del suo patrocinatore - ha inoltrato ricorso il 13 aprile 2018 dinanzi al Tribunale amministrativo federale. Protestando tasse, spese e ripetibili, la ricorrente postula in sostanza l'annullamento della decisione impugnata per i motivi gi avanzati dinanzi alla DGD (di seguito: autorit inferiore).

Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso, pronunciando un rinvio diretto (" Sprungrückweisung ") della causa alla DCD, per grave violazione del diritto di essere sentito della ricorrente.

Dai considerandi:

2.3 Giusta l'art. 61 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA, l'autorit di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti all'autorit inferiore. Anche se la procedura di ricorso è retta in maniera generale dal principio della massima inquisitoria, non spetta tuttavia alle autorit di ricorso ricostruire la fattispecie determinante per la decisione (cfr. [tra le tante] sentenze del TAF A-8035/2015 del 14 novembre 2017 consid. 2.3; A-3558/2013 del 18 novembre 2014 consid. 2.3; decisione della Commissione federale di ricorso in materia di contribuzioni [CRC] del 21 giugno 2004, in: Giurisprudenza delle autorit amministrative della Confederazione [GAAC] 68.156 consid. 3bb). Nel contesto della procedura di ricorso si tratta piuttosto di esaminare la fattispecie così come è stata stabilita dall'autorit inferiore e, nel caso particolare, di confermarla o di completarla. In principio, allorquando l'autorit ammette interamente o in parte il ricorso, essa statuisce sul medesimo affare (decisione di natura riformatoria;
art. 61 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA; cfr. [tra le tante] sentenze A-8035/2015 consid. 2.3;
A-3558/2013 consid. 2.3).

Eccezionalmente, sussiste anche la possibilit di rinviare la causa all'autorit inferiore con istruzioni imperative, affinché renda una nuova decisione (decisione di natura cassatoria; art. 61 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA). Siffatto rinvio si giustifica segnatamente nel caso in cui altri elementi relativi alla fattispecie devono essere constatati e che la procedura di amministrazione delle prove risulta essere troppo gravosa (cfr. [tra le tante] sentenze A-8035/2015 consid. 2.3; A-3558/2013 consid. 2.3). In una simile evenienza si intende salvaguardare il principio della doppia istanza di giudizio, poiché il ricorrente potr nuovamente contestare questi punti, i quali, per definizione, saranno nuovi, ciò che sarebbe escluso se il Tribunale dovesse statuire (cfr. GAAC 68.156 consid. 3bb con rinvii). Anche se il Tribunale è competente per procedere a ulteriori atti istruttori volti ad acclarare la fattispecie, è preferibile infine che sia l'autorit inferiore, peraltro la più prossima in materia, a pronunciarsi sulla causa. Il rinvio è invece indispensabile allorquando appare che la fattispecie determinante è stata manifestamente constatata in maniera inesatta o incompleta e che conseguentemente, ciò configura una grave violazione
dell'art. 49 lett. b
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 49 E. Motivi di ricorso - E. Motivi di ricorso Il ricorrente può far valere:
a  la violazione del diritto federale, compreso l'eccesso o l'abuso del potere di apprezzamento;
b  l'accertamento inesatto o incompleto di fatti giuridicamente rilevanti;
c  l'inadeguatezza; questa censura non è ammissibile quando un'autorità cantonale ha giudicato come autorità di ricorso.
PA. In simili casi, una decisione di natura riformatoria emanata dal Tribunale non entra più in linea di conto (cfr. [tra le tante] sentenze A-8035/2015 consid. 2.3;
A-3558/2013 consid. 2.3 con rinvii; Moser/Beusch/Kneubühler, Prozessieren vor dem Bundesverwaltungsgericht, 2a ed. 2013, n. 2.191, n. 3.197 segg.).

A determinate condizioni, un rinvio della causa è altresì possibile all'autorit di prima istanza (" Sprungrückweisung "). Un tale rinvio si giustifica ad esempio nel caso in cui l'autorit di prima istanza abbia sin dall'inizio commesso dei gravi vizi procedurali oppure disponga in un determinato ambito di conoscenze tecniche specifiche necessarie alla risoluzione della vertenza, rispettivamente allorquando le questioni giuridiche ancora pendenti nello specifico richiedano un loro esame in primis da parte dell'autorit di prima istanza, dipoi - se del caso - da parte delle successive istanze, nel rispetto di tutti i gradi di giudizio (cfr. Weissenberger/Hirzel, in: Praxiskommentar Verwaltungsverfahrensgesetz, 2a ed. 2016, n. 21 ad art. 61
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA; Madeleine Camprubi, in: VwVG, Bundesgesetz über das Verwaltungsverfahren, Kommentar, 2a ed. 2019, n. 9 ad art. 61
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA).

3. In concreto, oggetto del litigio è la revoca e sostituzione contemporanea dell'autorizzazione (...) per la gestione del DDA del 26 ottobre 2012 della ricorrente con una nuova autorizzazione avente validit limitata fino al 31 dicembre 2018 pronunciata dalla DCD con decisione del 19 settembre 2017 e confermata su ricorso dall'autorit inferiore con decisione del 23 febbraio 2018. Tale revoca è contestata dalla ricorrente, in quanto sarebbe del tutto infondata e lesiva del suo diritto di essere sentita, essendo totalmente priva di base legale e di motivazione. La revoca lederebbe e limiterebbe poi in maniera ingiustificata la sua libert economica.

In tale contesto, per il Tribunale amministrativo federale si tratter prioritariamente di esaminare se nel caso della ricorrente sussiste una violazione del suo diritto di essere sentita (cfr. consid. 3.4), tale vizio comportando, di principio, l'annullamento della decisione resa dall'autorit indipendentemente dalle possibilit di successo del ricorso nel merito (cfr. DTF
142 II 218 consid. 2.8.1; 135 I 187 consid. 2.2; 132 V 387 consid. 5.1;
DTAF 2009/36 consid. 7). A tal fine, qui di seguito verranno dapprima ricordate le esigenze in materia di motivazione delle decisioni (cfr. consid. 3.1) e poi chiarite le basi del regime di DDA con particolare riguardo circa le condizioni per il rilascio e la revoca della relativa autorizzazione (cfr. consid. 3.2-3.3).

3.1

3.1.1 Il diritto di essere sentito, sancito dall'art. 29 cpv. 2
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 29 Garanzie procedurali generali
1    In procedimenti dinanzi ad autorità giudiziarie o amministrative, ognuno ha diritto alla parità ed equità di trattamento, nonché ad essere giudicato entro un termine ragionevole.
2    Le parti hanno diritto d'essere sentite.
3    Chi non dispone dei mezzi necessari ha diritto alla gratuità della procedura se la sua causa non sembra priva di probabilità di successo. Ha inoltre diritto al patrocinio gratuito qualora la presenza di un legale sia necessaria per tutelare i suoi diritti.
Cost., garantisce all'interessato il diritto di esprimersi prima che sia resa una decisione sfavorevole nei suoi confronti (cfr. art. 29 e
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 29 Garanzie procedurali generali
1    In procedimenti dinanzi ad autorità giudiziarie o amministrative, ognuno ha diritto alla parità ed equità di trattamento, nonché ad essere giudicato entro un termine ragionevole.
2    Le parti hanno diritto d'essere sentite.
3    Chi non dispone dei mezzi necessari ha diritto alla gratuità della procedura se la sua causa non sembra priva di probabilità di successo. Ha inoltre diritto al patrocinio gratuito qualora la presenza di un legale sia necessaria per tutelare i suoi diritti.
30 PA), il diritto di prendere visione dell'incarto (cfr. art. 26
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 26 G. Esame degli atti / I. Principio - G. Esame degli atti I. Principio
1    Nella sua causa, la parte o il suo rappresentante ha il diritto di esaminare alla sede dell'autorità che decide o d'una autorità cantonale, designata da questa, gli atti seguenti:
a  le memorie delle parti e le osservazioni delle autorità;
b  tutti gli atti adoperati come mezzi di prova;
c  le copie delle decisioni notificate.
1bis    Se la parte o il suo rappresentante vi acconsente, l'autorità può notificare per via elettronica gli atti da esaminare. 1
2    L'autorità che decide può riscuotere una tassa per l'esame degli atti d'una causa definita; il Consiglio federale stabilisce la tariffa delle tasse.
PA), la facolt di offrire mezzi di prova su fatti suscettibili di influire sul giudizio, di esigerne l'assunzione, di partecipare alla loro assunzione e di potersi esprimere sulle relative risultanze, nella misura in cui esse possano influire sulla decisione (cfr. art. 18
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 18 D. Accertamento dei fatti / III. Audizione di testimoni / 5. Diritti delle parti - 5. Diritti delle parti
1    Le parti hanno il diritto d'assistere all'audizione dei testimoni e di porre domande completive.
2    Per tutelare importanti interessi pubblici o privati, l'audizione dei testimoni può avvenire in assenza delle parti, e a queste può essere negato l'esame dei processi verbali d'interrogatorio.
3    Ove sia negato alle parti l'esame dei processi verbali d'interrogatorio, è applicabile l'articolo 28.
PA applicabile per analogia dinanzi al Tribunale amministrativo federale, malgrado la riserva dell'art. 2 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
PA [cfr. {tra le tante} sentenza del TAF A-5446/2016 del 23 maggio 2018 consid. 2.2 con rinvii]; art. 29
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 29 H. Diritto di audizione / I. Principio - H. Diritto di audizione I. Principio
PA), nonché di ottenere una decisione motivata (cfr. art. 35
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 35 J. Notificazione / I. Per scritto / 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico - 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico
1    Le decisioni scritte, anche se notificate in forma di lettera, devono essere designate come tali, motivate, e indicare il rimedio giuridico.
2    L'indicazione del rimedio giuridico deve menzionare il rimedio giuridico ordinario ammissibile, l'autorità competente e il termine per interporlo.
3    L'autorità può rinunciare a indicare i motivi e il rimedio giuridico allorché la decisione sia interamente conforme alle domande delle parti e nessuna parte chieda la motivazione.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 35 J. Notificazione / I. Per scritto / 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico - 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico
1    Le decisioni scritte, anche se notificate in forma di lettera, devono essere designate come tali, motivate, e indicare il rimedio giuridico.
2    L'indicazione del rimedio giuridico deve menzionare il rimedio giuridico ordinario ammissibile, l'autorità competente e il termine per interporlo.
3    L'autorità può rinunciare a indicare i motivi e il rimedio giuridico allorché la decisione sia interamente conforme alle domande delle parti e nessuna parte chieda la motivazione.
PA applicabile per analogia dinanzi al Tribunale amministrativo federale, malgrado la riserva dell'art. 2 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
PA; DTF 144 I 11 consid. 5.3; 135 II 286 consid. 5.1; sentenze del TF 4A_35/2010 del 19 maggio 2010 consid. 6; 8C_321/2009 del 9 settembre 2009 consid. 2.2 segg.; sentenza del TAF A-7094/2010 del 21 gennaio 2011 consid. 3.2 con rinvii; Thierry Tanquerel, Manuel de droit administratif, 2a ed. 2018, n. 1528
segg.). Tale garanzia non serve solo a chiarire i fatti, bensì rappresenta anche un diritto individuale di partecipare alla pronuncia di una decisione mirata sulla persona in quanto tale. Il diritto di essere sentito è quindi da un lato, il mezzo d'istruzione della causa, dall'altro un diritto della parte di partecipare all'emanazione della decisione che concerne la sua situazione giuridica. Garantisce l'equit del procedimento (cfr. Adelio Scolari, Diritto amministrativo, Parte generale, 2002, n. 483 seg. con rinvii; [tra le tante] sentenze del TAF
A-3822/2016 del 19 dicembre 2017 consid. 3.1; A-3056/2015 del 22 dicembre 2016 consid. 3.1.1).

3.1.2 La giurisprudenza ha dedotto il dovere per l'autorit di motivare la sua decisione dal diritto di essere sentito. A livello procedurale, tale garanzia è ancorata all'art. 35
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 35 J. Notificazione / I. Per scritto / 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico - 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico
1    Le decisioni scritte, anche se notificate in forma di lettera, devono essere designate come tali, motivate, e indicare il rimedio giuridico.
2    L'indicazione del rimedio giuridico deve menzionare il rimedio giuridico ordinario ammissibile, l'autorità competente e il termine per interporlo.
3    L'autorità può rinunciare a indicare i motivi e il rimedio giuridico allorché la decisione sia interamente conforme alle domande delle parti e nessuna parte chieda la motivazione.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 35 J. Notificazione / I. Per scritto / 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico - 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico
1    Le decisioni scritte, anche se notificate in forma di lettera, devono essere designate come tali, motivate, e indicare il rimedio giuridico.
2    L'indicazione del rimedio giuridico deve menzionare il rimedio giuridico ordinario ammissibile, l'autorità competente e il termine per interporlo.
3    L'autorità può rinunciare a indicare i motivi e il rimedio giuridico allorché la decisione sia interamente conforme alle domande delle parti e nessuna parte chieda la motivazione.
PA, qui applicabile per analogia malgrado la riserva dell'art. 2 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
PA (cfr. [tra le tante] sentenza A-5446/2016 consid. 2.2 con rinvii). Scopo di ottenere una decisione motivata è che il destinatario possa comprendere le ragioni della medesima e, se del caso, impugnarla in piena coscienza di causa e che l'autorit di ricorso possa esercitare il suo controllo (cfr. DTF 142 II 49 consid. 9.2; 134 I 83 consid. 4.1; 129 I 232 consid. 3.2; 126 I 97 consid. 2b). È quindi sufficiente che l'autorit si esprima sulle circostanze significative atte ad influire in un modo o nell'altro sul giudizio di merito. L'autorit non è tuttavia tenuta a prendere posizione su tutti i fatti, le censure e i mezzi di prova invocati dal ricorrente, ma può limitarsi ad esporre le sole circostanze rilevanti per la decisione (cfr. DTF 143 III 65 consid. 5.2; 141 IV 249 consid. 1.3.1;
130 II 530 consid. 4.3; 129 I 232 consid. 3.2; 126 I 97 consid. 2b; [tra le tante] sentenza del TAF A-6362/2015 del 16 gennaio 2017 consid. 3.1.2; DTAF 2009/35 consid. 6.4.1). Peraltro, la motivazione non deve necessariamente trovarsi nella decisione stessa; essa può anche trovarsi in un documento separato che sia stato portato a conoscenza dell'interessato o può discendere dal rinvio a una presa di posizione di un'altra autorit sempre portata a conoscenza dell'interessato (cfr. DTF 123 I 31 consid. 2c;
113 II 204 consid. 2; DTAF 2013/46 consid. 6.2.5; [tra le tante] sentenza
A-6362/2015 consid. 3.1.2), basta che il destinatario sia in grado di procurarsi i documenti ai quali la decisione rimanda. L'ampiezza della motivazione non può tuttavia essere stabilita in modo uniforme. Essa va determinata tenendo conto dell'insieme delle circostanze della fattispecie e degli interessi della persona toccata nonché applicando i principi sviluppati dalla giurisprudenza del Tribunale federale. La motivazione può anche essere sommaria, ma vi si devono perlomeno dedurre gli elementi essenziali sui quali l'autorit si è fondata per rendere il proprio giudizio (cfr. [tra le tante] sentenza A-6362/2015 consid. 3.1.2; Scolari, op. cit., n. 531 e 535 con rinvii).

3.1.3 A titolo eccezionale, la violazione del diritto di essere sentito può essere sanata nella procedura di ricorso, se i motivi determinanti sono stati addotti in risposta dall'autorit , se il ricorrente ha potuto commentarli in un successivo memoriale e, soprattutto, se il potere d'esame della giurisdizione competente non è più ristretto di quello dell'istanza inferiore (cfr. DTF 142 II 218 consid. 2.8.1; 135 I 187 consid. 2.2; 133 I 201 consid. 2.2; sentenza del TF 1C_104/2010 del 29 aprile 2010 consid. 2.1; [tra le tante] sentenza del TAF A-1876/2013 del 6 gennaio 2014 consid. 3.5 con rinvii).

3.2

3.2.1 Giusta la legislazione doganale (cfr. art. 7
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 7 Principio - Le merci introdotte nel territorio doganale o asportate da esso sono soggette all'obbligo doganale e devono essere tassate secondo la presente legge e la legge sulla tariffa delle dogane 1 .
della legge del 18 marzo 2005 sulle dogane [LD, RS 631.0]), le merci introdotte nel territorio doganale o asportate da esso sono soggette all'obbligo doganale e devono essere tassate secondo la LD, nonché la legge del 9 ottobre 1986 sulla tariffa delle dogane (LTD, RS 632.10). Di principio, dette merci soggiacciono altresì all'IVA all'importazione (cfr. art. 50
SR 641.20 Legge federale concernente l'imposta sul valore aggiunto - Legge sull'IVA
LIVA Art. 50 Diritto applicabile - La legislazione doganale è applicabile all'imposta sull'importazione di beni, purché le disposizioni che seguono non dispongano altrimenti.
segg. LIVA [RS 641.20]). Rimangono salve le deroghe previste in trattati, in disposizioni speciali di legge o in ordinanze emanate dal Consiglio federale che si fondano sulla LTD (cfr. art. 1 cpv. 2
SR 632.10 Legge sulla tariffa delle dogane
LTD Art. 1 Obbligo doganale generale
1    Tutte le merci introdotte nel territorio doganale o asportate da esso devono essere imposte conformemente alla tariffa generale degli allegati 1 e 2. 1
2    Sono salve le deroghe previste in trattati, in disposizioni speciali di leggi o in ordinanze emanate dal Consiglio federale in virtù della presente legge.
LTD; art. 2 cpv. 1 e
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 2 Diritto internazionale
1    Rimangono salvi i trattati internazionali.
2    Il Consiglio federale emana le disposizioni necessarie all'esecuzione di trattati, decisioni e raccomandazioni internazionali che concernono campi normativi della presente legge, sempre che non si tratti di disposizioni importanti che contengono norme di diritto secondo l'articolo 164 capoverso 1 della Costituzione federale.
art. 8
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 8 Merci in franchigia di dazio
1    Sono esenti da dazio:
a  le merci che nella legge sulla tariffa delle dogane 1 o nei trattati internazionali sono dichiarate esenti da dazio;
b  le merci in piccole quantità, di valore insignificante o gravate da un esiguo importo di dazio, in base alle disposizioni emanate dal DFF.
2    Il Consiglio federale può dichiarare esenti da dazio:
a  le merci che secondo l'uso internazionale sono normalmente considerate esenti da dazio;
b  i mezzi legali di pagamento, le carte valori, i manoscritti e i documenti privi di valore collezionistico, i valori postali per l'affrancatura in territorio svizzero e altri valori di bollo ufficiali al massimo al valore facciale, nonché i biglietti di imprese estere di trasporti pubblici;
c  le masserizie di trasloco, i corredi nuziali e gli oggetti ereditati;
d  le merci per organizzazioni di utilità pubblica, opere assistenziali o persone bisognose;
e  i veicoli per invalidi;
f  gli oggetti per l'insegnamento e la ricerca;
g  gli oggetti d'arte e d'esposizione per i musei;
h  gli strumenti e gli apparecchi per l'esame e il trattamento di pazienti in ospedali o case di cura;
i  gli studi e le opere di artisti svizzeri che soggiornano temporaneamente all'estero a scopo di studio;
j  le merci del traffico nella zona di confine e gli animali delle acque confinarie;
k  i modelli e campioni di merci;
l  gli imballaggi indigeni;
m  il materiale bellico della Confederazione e il materiale della protezione civile della Confederazione e dei Cantoni.
segg. LD; art. 53
SR 641.20 Legge federale concernente l'imposta sul valore aggiunto - Legge sull'IVA
LIVA Art. 53 Importazioni esenti da imposta
1    È esente da imposta l'importazione di:
a  beni in piccole quantità, di valore minimo o il cui ammontare d'imposta è irrilevante; il DFF emana disposizioni più dettagliate;
b  organi umani da parte di istituzioni riconosciute a livello medico e da ospedali, nonché sangue umano intero da parte di titolari dell'apposita licenza;
c  opere d'arte create personalmente da pittori e scultori e importate sul territorio svizzero dagli stessi o su loro ordine, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera c;
d  beni ammessi in franchigia doganale in virtù dell'articolo 8 capoverso 2 lettere b-d, g nonché i-l LD 1 ;
e  beni secondo l'articolo 23 capoverso 2 numero 8 importati da un'impresa di trasporto aereo ai sensi dell'articolo 23 capoverso 2 numero 8 nell'ambito di una fornitura o introdotti sul territorio svizzero da una tale impresa, purché la stessa abbia acquistato i beni nell'ambito di una fornitura prima dell'importazione e li utilizzi dopo l'importazione per proprie attività imprenditoriali che danno diritto alla deduzione dell'imposta precedente (art. 28);
f  beni sottoposti al regime d'esportazione (art. 61 LD) e rispediti intatti al mittente sul territorio svizzero, purché non siano stati esentati dall'imposta per effetto dell'esportazione; se l'imposta è rilevante, l'esenzione avviene per via di restituzione; le disposizioni dell'articolo 59 sono applicabili per analogia;
g  energia elettrica in condotte, gas mediante la rete di distribuzione del gas naturale e teleriscaldamento;
h  beni dichiarati esenti da imposta in trattati internazionali;
i  beni importati sul territorio svizzero in ammissione temporanea secondo gli articoli 9 e 58 LD o per il perfezionamento attivo secondo gli articoli 12 e 59 LD nel regime con diritto alla restituzione, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera d;
j  beni importati temporaneamente sul territorio svizzero da una persona registrata quale contribuente sul territorio svizzero per perfezionamento a cottimo nell'ambito di un contratto d'appalto e sottoposti al regime del perfezionamento attivo con obbligo di pagamento condizionato (regime di non riscossione; art. 12 e 59 LD);
k  beni esportati dal territorio svizzero in ammissione temporanea secondo gli articoli 9 e 58 LD o per perfezionamento passivo a cottimo nell'ambito di un contratto d'appalto secondo gli articoli 13 e 60 LD e rispediti al mittente in territorio svizzero, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera e;
l  beni trasferiti all'estero secondo il regime d'esportazione (art. 61 LD) per perfezionamento a cottimo nell'ambito di un contratto d'appalto e rispediti al mittente in territorio svizzero, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera f.
2    Il Consiglio federale può esentare dall'imposta sull'importazione i beni che ha dichiarato esenti da dazio conformemente all'articolo 8 capoverso 2 lettera a LD.
LIVA). L'importo del dazio è calcolato in base alla natura, alla quantit e allo stato della merce nel momento in cui viene dichiarata all'ufficio doganale, nonché alle aliquote di dazio e alle basi di calcolo in vigore nel momento in cui sorge l'obbligazione doganale (cfr. art. 19 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 19 Calcolo del dazio
1    L'importo del dazio è calcolato in base:
a  alla natura, alla quantità e allo stato della merce nel momento in cui viene dichiarata all'ufficio doganale; e
b  alle aliquote di dazio e alle basi di calcolo in vigore nel momento in cui sorge l'obbligazione doganale.
2    La merce può essere tassata all'aliquota più elevata applicabile al suo genere se:
a  la dichiarazione doganale contiene una designazione insufficiente o equivoca delle merci e non è possibile farla rettificare; o
b  la merce non è stata dichiarata.
3    Se merci soggette a aliquote diverse sono imballate nello stesso collo o trasportate con lo stesso mezzo di trasporto e i dati sulla quantità di ciascuna di esse sono insufficienti, i tributi doganali sono calcolati in base al peso complessivo e all'aliquota applicabile alla merce soggetta al dazio più elevato.
LD).

3.2.2 Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale (cfr. art. 51 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 51 Procedura
1    Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale.
2    Nel regime di deposito doganale:
a  per il deposito doganale aperto si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale;
b  per il deposito delle merci di gran consumo sono stabiliti tributi doganali all'importazione con obbligo di pagamento condizionato e si applicano provvedimenti di politica commerciale;
c  è garantita l'identità delle merci;
d  è controllata saltuariamente l'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
e  sono concretati nella decisione d'imposizione gli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
f  sono applicati i disposti federali di natura non doganale.
3    Se il regime di deposito doganale non è concluso regolarmente, i tributi doganali all'importazione diventano esigibili; questo non vale se le merci sono state poste sotto un altro regime doganale entro il termine eventualmente fissato e la loro identità è comprovata. Per i depositi di merci di gran consumo, la domanda dev'essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza del periodo di giacenza delle merci nel deposito.
LD in combinato disposto con l'art. 47 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 47
1    Le merci destinate ad essere assegnate a un regime doganale devono essere dichiarate per tale regime.
2    I regimi doganali ammessi sono:
a  l'immissione in libera pratica;
b  il transito;
c  il deposito doganale;
d  l'ammissione temporanea;
e  il perfezionamento attivo;
f  il perfezionamento passivo;
g  l'esportazione.
3    Le merci assegnate a un regime doganale possono essere dichiarate in un altro regime.
LD). Il deposito doganale è definito all'art. 50 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 50 Definizione
1    Il deposito doganale è un luogo del territorio doganale autorizzato dall'AFD e posto sotto vigilanza doganale, nel quale le merci possono essere immagazzinate alle condizioni stabilite dall'AFD.
2    Il deposito doganale può essere un deposito aperto o un deposito di merci di gran consumo.
LD come un luogo del territorio doganale autorizzato dall'AFD e posto sotto vigilanza doganale, nel quale le merci possono essere immagazzinate alle condizioni stabilite dall'AFD. Esso può essere un deposito aperto o un deposito di merci di gran consumo (cfr. art. 50 cpv. 2
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 50 Definizione
1    Il deposito doganale è un luogo del territorio doganale autorizzato dall'AFD e posto sotto vigilanza doganale, nel quale le merci possono essere immagazzinate alle condizioni stabilite dall'AFD.
2    Il deposito doganale può essere un deposito aperto o un deposito di merci di gran consumo.
LD).

3.2.3 I DDA sono depositi doganali nei quali i depositari - e meglio, le persone che gestiscono il deposito doganale (cfr. art. 52 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 52 Depositario e depositante
1    Il depositario è la persona che gestisce il deposito doganale.
2    Il depositante è:
a  la persona che deposita merci in un deposito doganale ed è vincolata alla dichiarazione di assoggettamento delle merci al regime di deposito doganale; oppure
b  la persona cui sono stati trasferiti i diritti e obblighi della persona di cui alla lettera a.
3    Il depositante deve provvedere all'adempimento degli obblighi risultanti dall'assegnazione delle merci al regime di deposito doganale.
LD) - possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica (cfr. art. 53 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
LD). Per il DDA si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale (cfr. art. 51 cpv. 2 lett. a
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 51 Procedura
1    Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale.
2    Nel regime di deposito doganale:
a  per il deposito doganale aperto si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale;
b  per il deposito delle merci di gran consumo sono stabiliti tributi doganali all'importazione con obbligo di pagamento condizionato e si applicano provvedimenti di politica commerciale;
c  è garantita l'identità delle merci;
d  è controllata saltuariamente l'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
e  sono concretati nella decisione d'imposizione gli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
f  sono applicati i disposti federali di natura non doganale.
3    Se il regime di deposito doganale non è concluso regolarmente, i tributi doganali all'importazione diventano esigibili; questo non vale se le merci sono state poste sotto un altro regime doganale entro il termine eventualmente fissato e la loro identità è comprovata. Per i depositi di merci di gran consumo, la domanda dev'essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza del periodo di giacenza delle merci nel deposito.
LD). Nel DDA, il regime doganale ha dunque in particolare per effetto che le merci possono esservi depositate senza imposizione, versamento o garanzia dei tributi doganali all'importazione (cfr. Messaggio del 15 dicembre 2003 concernente una nuova legge sulle dogane, FF 2004 485, 548 [di seguito: Messaggio LD]).

3.2.4 L'apertura di un DDA e la conseguente applicazione del regime del DDA sono soggette all'autorizzazione dell'AFD (cfr. art. 54 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD; Messaggio LD, FF 2004 485, 549; Remo Arpagaus, Schweizerisches Bundesverwaltungsrecht, Zollrecht, vol. XII, 2a ed. 2007, n. 800). Il rilascio di detta autorizzazione esige innanzitutto l'adempimento di requisiti personali da parte del richiedente: egli deve risiedere in Svizzera e offrire garanzia per una gestione regolare del deposito doganale (cfr. art. 54 cpv. 2 lett. a
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD). Secondo l'art. 158
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 158 Autorizzazione per depositi doganali aperti - (art. 54 cpv. 2 LD) La gestione regolare non è garantita segnatamente quando il richiedente ha commesso una grave infrazione o ripetute infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
dell'ordinanza del 1° novembre 2006 sulle dogane (OD, RS 631.01), la gestione regolare non è garantita segnatamente quando il richiedente ha commesso una grave infrazione o ripetute infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD. Il rilascio di detta autorizzazione richiede inoltre l'adempimento di requisiti amministrativi: la vigilanza e il controllo doganali non devono comportare un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD (cfr. art. 54 cpv. 2 lett. b
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD; Reginald Derks, in: Handkommentar, Zollgesetz [ZG], 2009, n. 2 ad art. 54
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD [di seguito: Handkommentar ZG]). Giusta l'art. 54 cpv. 3
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD, detta autorizzazione può poi essere vincolata da oneri
ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio (lett. a) o prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari (lett. b). In questo regime doganale, sono peraltro applicabili i disposti di natura non doganale gi durante il periodo dell'immagazzinamento (cfr. art. 51 cpv. 2 lett. f
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 51 Procedura
1    Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale.
2    Nel regime di deposito doganale:
a  per il deposito doganale aperto si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale;
b  per il deposito delle merci di gran consumo sono stabiliti tributi doganali all'importazione con obbligo di pagamento condizionato e si applicano provvedimenti di politica commerciale;
c  è garantita l'identità delle merci;
d  è controllata saltuariamente l'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
e  sono concretati nella decisione d'imposizione gli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
f  sono applicati i disposti federali di natura non doganale.
3    Se il regime di deposito doganale non è concluso regolarmente, i tributi doganali all'importazione diventano esigibili; questo non vale se le merci sono state poste sotto un altro regime doganale entro il termine eventualmente fissato e la loro identità è comprovata. Per i depositi di merci di gran consumo, la domanda dev'essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza del periodo di giacenza delle merci nel deposito.
LD; Messaggio LD, FF 2004 485, 548).

Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione (cfr. art. 53 cpv. 4
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
LD). Il depositario è responsabile di assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito, di far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci e di far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione (cfr. art. 53 cpv. 5
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
LD). L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui all'art. 53 cpv. 5
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
LD (cfr. art. 53 cpv. 6
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
LD).

3.2.5 Con il rilascio dell'autorizzazione viene confermata l'applicabilit del regime del DDA (cfr. art. 54 cpv. 1
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD). Analogamente all'autorizzazione per l'applicazione del regime del traffico di perfezionamento attivo, qualora la decisione tramite la quale è stata rilasciata l'autorizzazione (la cosiddetta " Bewilligungsverfügung ") per la gestione di un DDA non venga impugnata, la stessa cresce formalmente in giudicato con i relativi oneri ivi precisati (cfr. sentenza del TAF [regime del traffico di perfezionamento attivo] A-2656/2018 del 19 dicembre 2018 consid. 3.2.2 con rinvii; in merito al carattere di decisione, Derks, Handkommentar ZG, op. cit., n. 3 ad art. 54
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD). In tal caso, si considera che il destinatario della decisione abbia accettato i suddetti oneri e il conseguente obbligo di attenersi agli stessi. Eventuali censure relative al contenuto dell'autorizzazione, segnatamente la contestazione degli oneri posti da quest'ultima, vanno sollevate tempestivamente presentando ricorso contro l'autorizzazione stessa; successivamente dette censure non possono infatti più essere sollevate con successo nell'ambito della procedura di riscossione dei tributi d'entrata e vanno pertanto respinte. Conformemente alla
giurisprudenza, con la crescita in giudicato formale dell'autorizzazione, pure le censure relative alla conformit costituzionale e alle leggi e ordinanze su cui si fonda l'autorizzazione sono da respingere (cfr. sentenza A-2656/2018 consid. 3.2.2 con rinvii).

3.3

3.3.1 Le decisioni amministrative cresciute in giudicato dal profilo formale possono essere revocate (o modificate) nella misura in cui siano adempiute determinate condizioni. Dette condizioni sono definite in primo luogo direttamente dalle disposizioni giuridiche materiali o processuali, qualora esse sussistano (cfr. DTF 137 I 69 consid. 2.3; 127 II 306 consid. 7a; sentenza del TAF A-3913/2010 del 2 dicembre 2011 consid. 3 con rinvii; Scolari, op. cit., n. 868; Tschannen/Zimmerli/Müller, Allgemeines Verwaltungsrecht, 4a ed. 2014, n. 35; Piermarco Zen-Ruffinen, Droit administratif, Partie générale et éléments de procédure, 2a ed. 2013, n. 1457).

Per quanto concerne la decisione relativa al rilascio dell'autorizzazione a gestire un deposito doganale, la sua revoca è espressamente disciplinata dall'art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD. Più nel dettaglio, l'art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD sancisce che l'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:

a.non adempie più i requisiti di cui all'art. 54 cpv. 2
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD;

b.non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o

c.commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.

Il tenore imperativo dell'art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD, secondo cui " [l']AFD revoca l'autorizzazione " (in tedesco " Die EZV entzieht die Bewilligung ", in francese " L'AFD retire l'autorisation "), lascia chiaramente intendere che l'AFD è tenuta a revocare l'autorizzazione qualora una delle tre predette condizioni risulti adempiuta (cfr. Derks, Handkommentar ZG, op. cit., n. 5 ad art. 54
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD). L'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione è tuttavia controllata saltuariamente (cfr. art. 51 cpv. 2 lett. d
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 51 Procedura
1    Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale.
2    Nel regime di deposito doganale:
a  per il deposito doganale aperto si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale;
b  per il deposito delle merci di gran consumo sono stabiliti tributi doganali all'importazione con obbligo di pagamento condizionato e si applicano provvedimenti di politica commerciale;
c  è garantita l'identità delle merci;
d  è controllata saltuariamente l'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
e  sono concretati nella decisione d'imposizione gli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
f  sono applicati i disposti federali di natura non doganale.
3    Se il regime di deposito doganale non è concluso regolarmente, i tributi doganali all'importazione diventano esigibili; questo non vale se le merci sono state poste sotto un altro regime doganale entro il termine eventualmente fissato e la loro identità è comprovata. Per i depositi di merci di gran consumo, la domanda dev'essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza del periodo di giacenza delle merci nel deposito.
LD). Gli oneri stabiliti nell'autorizzazione sono poi concretati nella decisione d'imposizione (cfr. art. 51 cpv. 2 lett. e
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 51 Procedura
1    Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale.
2    Nel regime di deposito doganale:
a  per il deposito doganale aperto si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale;
b  per il deposito delle merci di gran consumo sono stabiliti tributi doganali all'importazione con obbligo di pagamento condizionato e si applicano provvedimenti di politica commerciale;
c  è garantita l'identità delle merci;
d  è controllata saltuariamente l'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
e  sono concretati nella decisione d'imposizione gli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
f  sono applicati i disposti federali di natura non doganale.
3    Se il regime di deposito doganale non è concluso regolarmente, i tributi doganali all'importazione diventano esigibili; questo non vale se le merci sono state poste sotto un altro regime doganale entro il termine eventualmente fissato e la loro identità è comprovata. Per i depositi di merci di gran consumo, la domanda dev'essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza del periodo di giacenza delle merci nel deposito.
LD).

3.3.2 Se la legge non risolve esplicitamente il problema della revocabilit , rispettivamente non lo disciplina in maniera esaustiva, rimangono comunque applicabili i principi sviluppati dalla dottrina e dalla giurisprudenza (cfr. DTF 137 I 69 consid. 2.3; 135 V 201 consid. 6.2; 127 II 306 consid. 7a; Scolari, op. cit., n. 870; Wiederkehr/Richli, Praxis des allgemeinen Verwaltungsrechts, vol. I, 2012, n. 2712 e 2781). In tale contesto, la revoca di una decisione dipende dall'esito del confronto di due antitetici interessi: quello all'attuazione del diritto oggettivo e quello della sicurezza giuridica, rispettivamente del principio della buona fede (cfr.
DTF 143 II 1 consid. 5.1; 137 I 69 consid. 2.3; 135 V 201 consid. 6.2;
127 II 306 consid. 7a; 115 Ib 152 consid. 3a; DTAF 2007/29 consid. 4.2; sentenza del TAF A-3757/2010 del 10 maggio 2011 consid. 9; Wiederkehr/Richli, op. cit., n. 2712 e 2781; Scolari, op. cit., n. 871; Tanquerel, op. cit., n. 944). Il secondo prevale di regola sul primo e impedisce la revoca se la decisione in questione ha creato diritti soggettivi a favore del destinatario, la decisione è stata emanata dopo un procedimento in cui gli interessi pubblici e privati sono stati esaurientemente esaminati e valutati, l'interessato abbia in buona fede fatto uso dei suoi diritti. Queste regole non sono però assolute. D'un canto, la revoca può ancora intervenire anche in dette ipotesi allorché è richiesta da un interesse pubblico eminente o dalla sopravvenienza di fatti nuovi, di nuove scoperte scientifiche o modifiche legislative, oppure se esiste un motivo di revisione. D'altro canto, le esigenze della sicurezza giuridica possono essere prioritarie anche quando le tre suddette ipotesi non sono realizzate (cfr. DTF 143 II 1 consid. 5.1; 139 II 185 consid. 10.2.3; 137 I 69 consid. 2.3; 135 V 201 consid. 6.2;
127 II 306 consid. 7a; 115 Ib 152 consid. 3a; 109 Ib 246 consid. 4b, 4c e 4d; DTAF 2007/29 consid. 4.2; Scolari, op. cit., n. 871 seg.; Tanquerel, op. cit., n. 953-957; Wiederkehr/Richli, op. cit., n. 2713 e 2781). Nella ponderazione dei suddetti interessi va altresì esaminato se la revoca rispetta il principio della proporzionalit (cfr. art. 5 cpv. 2
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 5 Stato di diritto
1    Il diritto è fondamento e limite dell'attività dello Stato.
2    L'attività dello Stato deve rispondere al pubblico interesse ed essere proporzionata allo scopo.
3    Organi dello Stato, autorità e privati agiscono secondo il principio della buona fede.
4    La Confederazione e i Cantoni rispettano il diritto internazionale.
Cost., nonché art. 36
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 36 Limiti dei diritti fondamentali
1    Le restrizioni dei diritti fondamentali devono avere una base legale. Se gravi, devono essere previste dalla legge medesima. Sono eccettuate le restrizioni ordinate in caso di pericolo grave, immediato e non altrimenti evitabile.
2    Le restrizioni dei diritti fondamentali devono essere giustificate da un interesse pubblico o dalla protezione di diritti fondamentali altrui.
3    Esse devono essere proporzionate allo scopo.
4    I diritti fondamentali sono intangibili nella loro essenza.
Cost. circa le restrizioni dei diritti fondamentali), secondo cui una misura deve essere ragionevole, nonché idonea e necessaria a raggiungere lo scopo d'interesse pubblico perseguito e non deve eccedere l'indispensabile (cfr. sentenza del TAF A-2029/2010 del 2 settembre 2010 consid. 5; Wiederkehr/Richli, op. cit., n. 2712).

Dopo la crescita in giudicato formale, le decisioni aventi effetti durevoli (" Verfügungen über Dauerrechtsverhältnisse " o " Dauerverfügungen ") possono essere revocate solo in presenza di un vizio sopraggiunto ulteriormente alla loro pronuncia (cfr. DTF 143 II 1 consid. 5.1; 127 II 306 consid. 7a; Moor/Poltier, Droit administratif, vol. II, 3a ed. 2011, no. 2.4.3.2, pagg. 384 e 386; Tschannen/Zimmerli/Müller, op. cit., n. 12 e 45; Tanquerel, op. cit., n. 949). Più nel dettaglio, tale è segnatamente il caso in presenza di una sopravvenuta modifica legislativa o delle circostanze di fatto, purché sussista un interesse pubblico rilevante. In questo frangente, la revoca ha la funzione d'adattare il regime iniziale ad una nuova situazione giuridica. Il vizio sopraggiunto ulteriormente può essere altresì dovuto ad un'applicazione più restrittiva della legge, senza che quest'ultima sia di fatto stata modificata, segnatamente in presenza di un cambiamento oggettivamente giustificato della prassi o della giurisprudenza. In tal caso, la revoca della decisione è eccezionalmente ammessa, qualora il cambiamento di prassi o di giurisprudenza lo richieda per dei motivi d'interesse pubblico o di parit di trattamento (cfr. DTF 139
II 185
consid. 10.2.3; 135 V 201 consid. 6.2; 127 II 306 consid. 7a; 106 Ib 252 consid. 2b; Moor/Poltier, op. cit., no. 2.4.3.2, pag. 386; Tschannen/
Zimmerli/Müller, op. cit., n. 45; Tanquerel, op. cit., n. 951, pag. 386 seg.). Al contrario, una valutazione differente della sola situazione concreta oggetto della regolamentazione della decisione non consente una revoca. Determinante nella valutazione dell'illegalit di una decisione è il diritto vigente al momento della decisione di revoca (cfr. Moor/Poltier, op. cit., no. 2.4.3.2, pag. 386 seg.).

3.4

3.4.1 Da un esame degli atti dell'incarto risulta che il 26 ottobre 2012 la ricorrente ha ottenuto dalla DCD una prima autorizzazione (...) per la gestione di un DDA, con effetto a far tempo dal 1° novembre 2012 e di durata indeterminata ([...]). Come si evince dalla rubrica 1, a quel momento la DCD ha di fatto ritenuto che la ricorrente adempieva a tutte le condizioni poste dall'art. 54 cpv. 2
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD per l'ottenimento dell'autorizzazione ([...]).

Ciò premesso, all'autorizzazione sono accluse, quale parte integrante ([...]), le cosiddette " Disposizioni generali dell'autorizzazione per gestire il DDA della ditta A. SA ". In sunto, oltre a definire le generalit ([...]) e le disposizioni particolari ([...]) del DDA, dette disposizioni disciplinano la procedura da seguire per la sua gestione ([...]) - segnatamente l'entrata (immagazzinamento/immissione) e l'uscita delle merci -, le conseguenze in caso d'infrazione dell'autorizzazione ([...]) e il diritto applicabile ([...]).

La rubrica 7 disciplina i casi in cui l'AFD può ordinare provvedimenti amministrativi a tempo determinato o indeterminato, mentre la rubrica 8 il caso della revoca dell'autorizzazione, sancendo che:

" L'AFD può revocare l'autorizzazione se il titolare:

a.non adempie più alle condizioni per il rilascio dell'autorizzazione;

b.non rispetta le condizioni e gli obblighi fissati oppure;

c.commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD ".

Di fatto, la rubrica 8 riprende testualmente i motivi di revoca enunciati all'art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD. L'unica differenza risiede nel fatto che, diversamente dall'art. 159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD secondo cui sussiste per l'AFD l'obbligo di revocare l'autorizzazione in presenza di un motivo di revoca (" [l]'AFD revoca "; cfr. consid. 3.3.1), l'autorizzazione lascia all'AFD un certo margine di discrezione, prevedendo ch'essa " può " revocarla.

Detta autorizzazione si presenta poi come una decisione impugnabile con ricorso (" Bewilligungsverfügung "), tant'è che alla rubrica 11 menziona i mezzi d'impugnazione. Poiché non è stata impugnata dalla ricorrente, la stessa è cresciuta formalmente in giudicato insieme alle condizioni e gli oneri ivi indicati (cfr. consid. 3.2.5).

3.4.2 Con e-mail del 14 luglio 2017 ([...]), l'Ispettorato doganale Mendrisiotto ha informato la ricorrente in merito all'esistenza di nuove condizioni da osservare per la concessione di un'autorizzazione per gestire un DDA, contenute nel documento denominato " informazioni sul regime di deposito doganale aperto (DDA) ". In particolare, detta autorit ha sottolineato che una di queste condizioni prescriverebbe che " presso ogni depositante devono avvenire più di 200 movimenti (entrate e uscite) di merci all'anno ". Poiché da una verifica presso il DDA della ricorrente l'Ispettorato doganale Mendrisiotto avrebbe constatato per il 2016 un numero di movimenti di merci molto inferiore ai 200, esso l'ha informata dell'intenzione di revocarle l'autorizzazione (...) del 26 ottobre 2012 e di non più rinnovargliela a partire dall'anno seguente. Detta autorit ha poi invitato la ricorrente a prendere posizione, precisando che se la stessa avesse chiesto il mantenimento dell'autorizzazione anche per il prossimo anno, la procedura di revoca sarebbe stata avviata in maniera formale dalla DCD.

Con e-mail del 18 luglio 2017 ([...]), la ricorrente ha in sostanza sottolineato l'importanza fondamentale e strategica del DDA per la sua sussistenza economica, nonché gli investimenti sia in termini di risorse umane che economici per poter garantire tutta una serie di servizi ai clienti, con l'intento di continuare ad essere competitiva, chiedendo pertanto all'AFD di rivedere la propria posizione. Essa ha peraltro indicato di aver acquisito recentemente nuovi traffici che necessiterebbero del DDA e di aver recuperato un prezioso cliente storico, che non vuole scontentare.

3.4.3 Contrariamente a quanto annunciato dall'Ispettorato doganale Mendrisiotto (cfr. consid. 3.4.2), nel caso della ricorrente la DCD non ha tuttavia avviato alcuna procedura di revoca dell'autorizzazione (...) del 26 ottobre 2012. Il 19 settembre 2017 la DCD ha di fatto semplicemente proceduto alla revoca e sostituzione simultanea di detta autorizzazione con una nuova autorizzazione assortita di nuove condizioni ed una validit di durata determinata sino al 31 dicembre 2018 ([...]), ritenendo peraltro nel caso della ricorrente come adempiute le relative condizioni di ottenimento, segnatamente quelle di cui agli art. 50
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 50 Definizione
1    Il deposito doganale è un luogo del territorio doganale autorizzato dall'AFD e posto sotto vigilanza doganale, nel quale le merci possono essere immagazzinate alle condizioni stabilite dall'AFD.
2    Il deposito doganale può essere un deposito aperto o un deposito di merci di gran consumo.
-57
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 57 Uscita dal deposito
1    Dai depositi doganali aperti le merci escono quando è loro assegnato un regime doganale che sarebbe ammesso per tali merci all'atto dell'importazione o dell'immissione nel territorio doganale o quando sono dichiarate per il regime di transito ed esportate.
2    Dai depositi per merci di gran consumo le merci escono quando è loro assegnato un altro regime doganale. In caso di immissione in libera pratica devono essere riscossi i tributi doganali all'importazione.
LD([...]). Ora, nella misura in cui sostituisce la precedente autorizzazione, formalmente la nuova autorizzazione costituisce una " decisione di revoca ", che - come ogni decisione ai sensi dell'art. 5
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 5 B. Definizioni / I. Decisioni - B. Definizioni I. Decisioni
1    Sono decisioni i provvedimenti delle autorità nel singolo caso, fondati sul diritto pubblico federale e concernenti:
a  la costituzione, la modificazione o l'annullamento di diritti o di obblighi;
b  l'accertamento dell'esistenza, dell'inesistenza o dell'estensione di diritti o di obblighi;
c  il rigetto o la dichiarazione d'inammissibilità d'istanze dirette alla costituzione, alla modificazione, all'annullamento o all'accertamento di diritti o di obblighi.
2    Sono decisioni anche quelle in materia d'esecuzione (art. 41 cpv. 1 lett. a e b), le decisioni incidentali (art. 45 e 46), le decisioni su opposizione (art. 30 cpv. 2 lett. b e 74), le decisioni su ricorso (art. 61), le decisioni in sede di revisione (art. 68) e l'interpretazione (art. 69). 1
3    Le dichiarazioni di un'autorità che rifiuta o solleva pretese da far valere mediante azione non sono considerate decisioni.
PA - deve essere motivata dall'autorit che la pronuncia (cfr. consid. 3.1.2). Sennonché, da un suo esame dettagliato risulta chiaramente che la DCD si è limitata a revocare e sostituire l'autorizzazione precedente, senza tuttavia precisazione alcuna circa i motivi e le basi legali a suo fondamento. Ma vi è di più. In detta autorizzazione, non viene fatto alcun riferimento alla nuova esigenza di un minimo
di 200 movimenti di merci annui, né al fatto che la ricorrente non l'adempirebbe. Circa le nuove condizioni, la rubrica 3 si limita a rinviare in maniera del tutto generica ad una serie di documenti, come segue:

" [l]e disposizioni dettagliate fissate nella descrizione del processo e nel rapporto d'accettazione sono parte integrante della autorizzazione. La descrizione del processo vincolante è pubblicata sul sito Internet dell['AFD]. Le modifiche apportate al documento sono documentate: in caso di modifiche materiali i depositari vengono informati, mentre le nuove versioni sono pubblicate in Internet ".

Così facendo, la DCD non ha pertanto chiaramente ottemperato all'obbligo di motivare la propria decisione, violando conseguentemente il diritto di essere sentita della ricorrente (cfr. consid. 3.1.2), così come giustamente censurato da quest'ultima sia dinanzi all'autorit inferiore, che dinanzi al Tribunale amministrativo federale ([...]).

Vero è che prima dell'emanazione della nuova autorizzazione, il 14 luglio 2017 la ricorrente è stata informata dall'Ispettorato doganale Mendrisiotto in merito all'intenzione di revocarle l'autorizzazione preesistente e i relativi motivi, concedendole il diritto di prendere posizione al riguardo nel rispetto del suo diritto di essere sentita ([...]). Ciò non toglie tuttavia il fatto che la decisione di revoca del 19 settembre 2017 - che neppure menziona o rinvia per i dettagli agli scambi di scritti intercorsi con la ricorrente, contrariamente a quanto richiesto in materia di motivazione (cfr. consid. 3.1.2) - è del tutto priva di motivazione al riguardo e viola gravemente il diritto di essere sentita della ricorrente. In tali circostanze, detta revoca andava gi annullata dall'autorit inferiore adita successivamente dalla ricorrente.

3.4.4 Da un esame della decisione impugnata risulta tuttavia che siffatta violazione non è stata rilevata dall'autorit inferiore. Al contrario, essa ha confermato la validit della nuova autorizzazione del 19 settembre 2017 della DCD, senza pronunciarsi in merito alla carenza di motivazione sollevata dalla ricorrente nel ricorso del 20 ottobre 2018. Di fatto, l'autorit inferiore, prima nello scritto del 7 dicembre 2017 ([...]) e poi nella decisione impugnata, ha lei stessa cercato di motivare la nuova autorizzazione, indicando alla ricorrente che la possibilit di revocare l'autorizzazione per gestire un deposito sarebbe espressamente prevista dall'art. 159 lett. a
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD. Essa ha altresì precisato che l'autorizzazione (...) del 26 ottobre 2012 sarebbe stata rilasciata, tra l'altro, a condizione che la vigilanza e il controllo doganali non comportino un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD ai sensi dell'art. 54 cpv. 2 lett. b
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD. In tale contesto, essa spiega che in occasione di un'inchiesta sulle attivit di controllo della dogana nell'ambito dei depositi doganali, il Controllo federale delle finanze (CDF) avrebbe chiesto all'AFD di tenere maggiormente conto dell'aspetto relativo alla gestione aziendale. Per
questa ragione, l'AFD avrebbe fissato, tra l'altro, il valore di riferimento per un gestore a 200 movimenti di merci. Tale valore di riferimento sarebbe stato concordato tra B., C., D. e l'AFD. Essa ha indicato che i punti principali per la gestione di un DDA sarebbero stati pubblicati nel documento denominato " Informazioni sul regime di deposito doganale per depositi aperti " del 19 novembre 2015 ([...]). Sottolineando che la ricorrente sarebbe stata sentita dalla DCD al riguardo, l'autorit inferiore ha poi precisato che detta autorit non avrebbe revocato l'autorizzazione, bensì allestito una nuova con validit fino al 31 dicembre 2018, sicché non sarebbe corretto rimproverare all'AFD di aver violato il diritto di essere sentito ([...]). A suo avviso, il rilascio di una nuova autorizzazione di durata determinata non sarebbe poi lesiva della libert economica, la ricorrente potendo continuare a fruire di un'autorizzazione qualora dovesse adempiere alla nuova esigenza dei 200 movimenti annui ([...]).

È solo però nello scritto del 7 dicembre 2017 ([...]) che, in riferimento all'esigenza dei 200 movimenti annui, l'autorit inferiore ha precisato alla ricorrente che sarebbe poiché quest'ultima avrebbe registrato complessivamente 32 movimenti nel 2014, 9 movimenti nel 2015 e nel 2016, che il 14 luglio 2017 l'Ispettorato doganale Mendrisiotto l'avrebbe informata circa l'intenzione di revocarle l'autorizzazione.

Sennonché detta motivazione - peraltro incompleta e contradditoria - permane lacunosa e insufficiente a sanare la violazione del diritto di essere sentita della ricorrente insorta gi dinanzi alla DCD, nella misura in cui non spiega ancora il perché di una revoca e sostituzione con un'autorizzazione di durata determinata. Vero è che nella risposta del 12 giugno 2018 dinanzi al Tribunale amministrativo federale, l'autorit inferiore ha spiegato che tale nuova autorizzazione è stata voluta di durata determinata proprio per permettere alla ricorrente di provare il raggiungimento del limite di movimentazione per l'anno 2018 grazie ai nuovi traffici acquisiti. Tuttavia tale modo di procedere dell'autorit di prima istanza e dell'autorit inferiore, secondo cui la motivazione della revoca è stata da loro fornita alla ricorrente solo in via frammentaria attraverso i vari gradi di giudizio da lei aditi mediante ricorso, non solo è irrispettoso del suo diritto di essere sentita, ma è altresì inammissibile e non può pertanto essere condiviso dal Tribunale amministrativo federale.

3.4.5 Poiché la violazione del diritto di essere sentita della ricorrente ha avuto origine gi dinanzi alla DCD (autorit di prima istanza), perpetuandosi dapprima dinanzi l'autorit inferiore e poi dinanzi al Tribunale amministrativo federale senza mai essere veramente stata sanata, nel caso concreto l'annullamento della decisione impugnata appare non solo giustificato, ma anche necessario. In tale contesto, il ricorso del 13 aprile 2018 va conseguentemente accolto per violazione del diritto di essere sentito, a prescindere dal ben o mal fondato delle censure di merito. Al fine di garantire la correttezza della procedura di revoca dell'autorizzazione (...) del 26 ottobre 2012, che dovr qui essere ricominciata nel rispetto dei vari gradi di giudizio e del diritto di essere sentita della ricorrente, in via eccezionale si giustifica il rinvio diretto (" Sprungrückweisung ") degli atti di causa alla DCD per nuovo giudizio ai sensi dell'art. 61 cpv. 1
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
PA (cfr. consid. 2.3).

Ciò sancito, circa l'esigenza di motivazione in rapporto alla revoca, è qui doveroso precisare quanto segue. All'occorrenza, il Tribunale amministrativo federale rileva come nel caso della ricorrente si sia dinanzi ad una revoca di un'autorizzazione, e meglio di una decisione avente effetti durevoli e formalmente cresciuta in giudicato (cfr. consid. 3.2.5 e 3.4.1), per un vizio sopraggiunto ulteriormente alla sua pronuncia, in ragione di una modifica della prassi dell'AFD circa l'esigenza posta dall'art. 54 cpv. 2 lett. b
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
LD. Non si tratta dunque propriamente di un caso di revoca ai sensi dell'art. 159 lett. a
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
OD (cfr. consid. 3.3.1), nella misura in cui sono le stesse condizioni di rilascio dell'autorizzazione ad essere state inasprite dall'AFD prevedendo l'esigenza di 200 movimenti annui sulla base della raccomandazione n. 4 del CDF ([...]), senza modifica alcuna della legge. In tale situazione, per essere valida la revoca richiede di essere debitamente motivata. Per costante giurisprudenza, un cambiamento di prassi, purché oggettivamente giustificato, può infatti eccezionalmente comportare la
revoca di un'autorizzazione solo se la stessa è richiesta per dei motivi di interesse pubblico o di parit di trattamento (cfr. consid. 3.3.2). In tale contesto, la DCD dovr dunque da un lato dimostrare che il cambiamento di prassi è oggettivamente giustificato, fornendo in particolare precisazioni in rapporto all'esigenza dei 200 movimenti annui (esposizione del metodo di calcolo di detto valore riferimento, con indicazioni precise delle basi giuridiche giustificanti di fissarlo a 200 movimenti e non di meno o di più, ecc.) e alla sua validit temporale (a partire da quando deve essere applicata la nuova prassi, rispettivamente ossequiata dai titolari di autorizzazioni preesistenti, ecc.). D'altro canto, essa dovr poi comprovare che la revoca dell'autorizzazione nel caso della ricorrente è richiesta per dei motivi d'interesse pubblico e/o di parit di trattamento. Per finire, la DCD dovr ancora dimostrare che la ricorrente non adempie alla predetta nuova esigenza.
Informazioni decisione   •   DEFRITEN
Decisione : 2019/I/5
Data : 15. febbraio 2019
Pubblicato : 13. marzo 2020
Corte : Tribunale amministrativo federale
Stato : 2019/I/5
Ramo giuridico : I (Bürger und Staat, Verwaltungs- und Verfahrensrecht allg.)
Regesto : Dogane


Registro di legislazione
Cost.: 5 
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 5 Stato di diritto
1    Il diritto è fondamento e limite dell'attività dello Stato.
2    L'attività dello Stato deve rispondere al pubblico interesse ed essere proporzionata allo scopo.
3    Organi dello Stato, autorità e privati agiscono secondo il principio della buona fede.
4    La Confederazione e i Cantoni rispettano il diritto internazionale.
29 
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 29 Garanzie procedurali generali
1    In procedimenti dinanzi ad autorità giudiziarie o amministrative, ognuno ha diritto alla parità ed equità di trattamento, nonché ad essere giudicato entro un termine ragionevole.
2    Le parti hanno diritto d'essere sentite.
3    Chi non dispone dei mezzi necessari ha diritto alla gratuità della procedura se la sua causa non sembra priva di probabilità di successo. Ha inoltre diritto al patrocinio gratuito qualora la presenza di un legale sia necessaria per tutelare i suoi diritti.
36
SR 101 Costituzione federale della Confederazione Svizzera
Cost. Art. 36 Limiti dei diritti fondamentali
1    Le restrizioni dei diritti fondamentali devono avere una base legale. Se gravi, devono essere previste dalla legge medesima. Sono eccettuate le restrizioni ordinate in caso di pericolo grave, immediato e non altrimenti evitabile.
2    Le restrizioni dei diritti fondamentali devono essere giustificate da un interesse pubblico o dalla protezione di diritti fondamentali altrui.
3    Esse devono essere proporzionate allo scopo.
4    I diritti fondamentali sono intangibili nella loro essenza.
LD: 2 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 2 Diritto internazionale
1    Rimangono salvi i trattati internazionali.
2    Il Consiglio federale emana le disposizioni necessarie all'esecuzione di trattati, decisioni e raccomandazioni internazionali che concernono campi normativi della presente legge, sempre che non si tratti di disposizioni importanti che contengono norme di diritto secondo l'articolo 164 capoverso 1 della Costituzione federale.
7 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 7 Principio - Le merci introdotte nel territorio doganale o asportate da esso sono soggette all'obbligo doganale e devono essere tassate secondo la presente legge e la legge sulla tariffa delle dogane 1 .
8 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 8 Merci in franchigia di dazio
1    Sono esenti da dazio:
a  le merci che nella legge sulla tariffa delle dogane 1 o nei trattati internazionali sono dichiarate esenti da dazio;
b  le merci in piccole quantità, di valore insignificante o gravate da un esiguo importo di dazio, in base alle disposizioni emanate dal DFF.
2    Il Consiglio federale può dichiarare esenti da dazio:
a  le merci che secondo l'uso internazionale sono normalmente considerate esenti da dazio;
b  i mezzi legali di pagamento, le carte valori, i manoscritti e i documenti privi di valore collezionistico, i valori postali per l'affrancatura in territorio svizzero e altri valori di bollo ufficiali al massimo al valore facciale, nonché i biglietti di imprese estere di trasporti pubblici;
c  le masserizie di trasloco, i corredi nuziali e gli oggetti ereditati;
d  le merci per organizzazioni di utilità pubblica, opere assistenziali o persone bisognose;
e  i veicoli per invalidi;
f  gli oggetti per l'insegnamento e la ricerca;
g  gli oggetti d'arte e d'esposizione per i musei;
h  gli strumenti e gli apparecchi per l'esame e il trattamento di pazienti in ospedali o case di cura;
i  gli studi e le opere di artisti svizzeri che soggiornano temporaneamente all'estero a scopo di studio;
j  le merci del traffico nella zona di confine e gli animali delle acque confinarie;
k  i modelli e campioni di merci;
l  gli imballaggi indigeni;
m  il materiale bellico della Confederazione e il materiale della protezione civile della Confederazione e dei Cantoni.
19 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 19 Calcolo del dazio
1    L'importo del dazio è calcolato in base:
a  alla natura, alla quantità e allo stato della merce nel momento in cui viene dichiarata all'ufficio doganale; e
b  alle aliquote di dazio e alle basi di calcolo in vigore nel momento in cui sorge l'obbligazione doganale.
2    La merce può essere tassata all'aliquota più elevata applicabile al suo genere se:
a  la dichiarazione doganale contiene una designazione insufficiente o equivoca delle merci e non è possibile farla rettificare; o
b  la merce non è stata dichiarata.
3    Se merci soggette a aliquote diverse sono imballate nello stesso collo o trasportate con lo stesso mezzo di trasporto e i dati sulla quantità di ciascuna di esse sono insufficienti, i tributi doganali sono calcolati in base al peso complessivo e all'aliquota applicabile alla merce soggetta al dazio più elevato.
47 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 47
1    Le merci destinate ad essere assegnate a un regime doganale devono essere dichiarate per tale regime.
2    I regimi doganali ammessi sono:
a  l'immissione in libera pratica;
b  il transito;
c  il deposito doganale;
d  l'ammissione temporanea;
e  il perfezionamento attivo;
f  il perfezionamento passivo;
g  l'esportazione.
3    Le merci assegnate a un regime doganale possono essere dichiarate in un altro regime.
50 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 50 Definizione
1    Il deposito doganale è un luogo del territorio doganale autorizzato dall'AFD e posto sotto vigilanza doganale, nel quale le merci possono essere immagazzinate alle condizioni stabilite dall'AFD.
2    Il deposito doganale può essere un deposito aperto o un deposito di merci di gran consumo.
51 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 51 Procedura
1    Le merci non immesse in libera pratica ma destinate a essere immagazzinate in un deposito doganale devono essere dichiarate nel regime di deposito doganale.
2    Nel regime di deposito doganale:
a  per il deposito doganale aperto si rinuncia a stabilire e garantire i tributi doganali all'importazione e ad applicare provvedimenti di politica commerciale;
b  per il deposito delle merci di gran consumo sono stabiliti tributi doganali all'importazione con obbligo di pagamento condizionato e si applicano provvedimenti di politica commerciale;
c  è garantita l'identità delle merci;
d  è controllata saltuariamente l'osservanza delle condizioni e degli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
e  sono concretati nella decisione d'imposizione gli oneri stabiliti nell'autorizzazione;
f  sono applicati i disposti federali di natura non doganale.
3    Se il regime di deposito doganale non è concluso regolarmente, i tributi doganali all'importazione diventano esigibili; questo non vale se le merci sono state poste sotto un altro regime doganale entro il termine eventualmente fissato e la loro identità è comprovata. Per i depositi di merci di gran consumo, la domanda dev'essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza del periodo di giacenza delle merci nel deposito.
52 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 52 Depositario e depositante
1    Il depositario è la persona che gestisce il deposito doganale.
2    Il depositante è:
a  la persona che deposita merci in un deposito doganale ed è vincolata alla dichiarazione di assoggettamento delle merci al regime di deposito doganale; oppure
b  la persona cui sono stati trasferiti i diritti e obblighi della persona di cui alla lettera a.
3    Il depositante deve provvedere all'adempimento degli obblighi risultanti dall'assegnazione delle merci al regime di deposito doganale.
53 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 53 Depositi doganali aperti
1    I depositi doganali aperti sono depositi doganali nei quali i depositari possono immagazzinare merci proprie o merci di terzi non immesse in libera pratica.
2    Le merci tassate all'esportazione possono essere immagazzinate in un deposito doganale aperto se, dopo esserne uscite, sono esportate. Il Consiglio federale può prevedere l'immagazzinamento di merci che non vengono esportate.
3    Nei depositi doganali aperti le merci possono essere immagazzinate senza limitazione di tempo. Il Consiglio federale stabilisce il termine entro il quale le merci tassate all'esportazione devono essere esportate.
4    Le merci destinate a essere immagazzinate sono dichiarate dal depositario o dal suo mandatario presso l'ufficio doganale di controllo menzionato nell'autorizzazione.
5    Il depositario è responsabile di:
a  assicurare che le merci non siano sottratte alla vigilanza doganale durante la loro giacenza nel deposito;
b  far rispettare gli obblighi risultanti dall'immagazzinamento delle merci; e
c  far adempire gli oneri connessi all'autorizzazione.
6    L'AFD può esigere che il depositario presti una garanzia per l'osservanza degli obblighi di cui al capoverso 5.
54 
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 54 Autorizzazione per i depositi doganali aperti
1    Per gestire un deposito doganale aperto è necessaria un'autorizzazione dell'AFD.
2    L'AFD rilascia l'autorizzazione se:
a  il richiedente risiede in Svizzera e offre garanzia per una gestione regolare del deposito doganale aperto; e
b  la vigilanza e il controllo doganali non comportano un dispendio amministrativo sproporzionato per l'AFD.
3    L'autorizzazione può:
a  essere vincolata ad oneri ed escludere l'immagazzinamento di determinate merci a rischio; o
b  prescrivere che determinate merci a rischio siano depositate in locali particolari.
57
SR 631.0 Legge sulle dogane
LD Art. 57 Uscita dal deposito
1    Dai depositi doganali aperti le merci escono quando è loro assegnato un regime doganale che sarebbe ammesso per tali merci all'atto dell'importazione o dell'immissione nel territorio doganale o quando sono dichiarate per il regime di transito ed esportate.
2    Dai depositi per merci di gran consumo le merci escono quando è loro assegnato un altro regime doganale. In caso di immissione in libera pratica devono essere riscossi i tributi doganali all'importazione.
LIVA: 50 
SR 641.20 Legge federale concernente l'imposta sul valore aggiunto - Legge sull'IVA
LIVA Art. 50 Diritto applicabile - La legislazione doganale è applicabile all'imposta sull'importazione di beni, purché le disposizioni che seguono non dispongano altrimenti.
53
SR 641.20 Legge federale concernente l'imposta sul valore aggiunto - Legge sull'IVA
LIVA Art. 53 Importazioni esenti da imposta
1    È esente da imposta l'importazione di:
a  beni in piccole quantità, di valore minimo o il cui ammontare d'imposta è irrilevante; il DFF emana disposizioni più dettagliate;
b  organi umani da parte di istituzioni riconosciute a livello medico e da ospedali, nonché sangue umano intero da parte di titolari dell'apposita licenza;
c  opere d'arte create personalmente da pittori e scultori e importate sul territorio svizzero dagli stessi o su loro ordine, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera c;
d  beni ammessi in franchigia doganale in virtù dell'articolo 8 capoverso 2 lettere b-d, g nonché i-l LD 1 ;
e  beni secondo l'articolo 23 capoverso 2 numero 8 importati da un'impresa di trasporto aereo ai sensi dell'articolo 23 capoverso 2 numero 8 nell'ambito di una fornitura o introdotti sul territorio svizzero da una tale impresa, purché la stessa abbia acquistato i beni nell'ambito di una fornitura prima dell'importazione e li utilizzi dopo l'importazione per proprie attività imprenditoriali che danno diritto alla deduzione dell'imposta precedente (art. 28);
f  beni sottoposti al regime d'esportazione (art. 61 LD) e rispediti intatti al mittente sul territorio svizzero, purché non siano stati esentati dall'imposta per effetto dell'esportazione; se l'imposta è rilevante, l'esenzione avviene per via di restituzione; le disposizioni dell'articolo 59 sono applicabili per analogia;
g  energia elettrica in condotte, gas mediante la rete di distribuzione del gas naturale e teleriscaldamento;
h  beni dichiarati esenti da imposta in trattati internazionali;
i  beni importati sul territorio svizzero in ammissione temporanea secondo gli articoli 9 e 58 LD o per il perfezionamento attivo secondo gli articoli 12 e 59 LD nel regime con diritto alla restituzione, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera d;
j  beni importati temporaneamente sul territorio svizzero da una persona registrata quale contribuente sul territorio svizzero per perfezionamento a cottimo nell'ambito di un contratto d'appalto e sottoposti al regime del perfezionamento attivo con obbligo di pagamento condizionato (regime di non riscossione; art. 12 e 59 LD);
k  beni esportati dal territorio svizzero in ammissione temporanea secondo gli articoli 9 e 58 LD o per perfezionamento passivo a cottimo nell'ambito di un contratto d'appalto secondo gli articoli 13 e 60 LD e rispediti al mittente in territorio svizzero, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera e;
l  beni trasferiti all'estero secondo il regime d'esportazione (art. 61 LD) per perfezionamento a cottimo nell'ambito di un contratto d'appalto e rispediti al mittente in territorio svizzero, fatto salvo l'articolo 54 capoverso 1 lettera f.
2    Il Consiglio federale può esentare dall'imposta sull'importazione i beni che ha dichiarato esenti da dazio conformemente all'articolo 8 capoverso 2 lettera a LD.
LTD: 1
SR 632.10 Legge sulla tariffa delle dogane
LTD Art. 1 Obbligo doganale generale
1    Tutte le merci introdotte nel territorio doganale o asportate da esso devono essere imposte conformemente alla tariffa generale degli allegati 1 e 2. 1
2    Sono salve le deroghe previste in trattati, in disposizioni speciali di leggi o in ordinanze emanate dal Consiglio federale in virtù della presente legge.
OD: 158 
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 158 Autorizzazione per depositi doganali aperti - (art. 54 cpv. 2 LD) La gestione regolare non è garantita segnatamente quando il richiedente ha commesso una grave infrazione o ripetute infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
159
SR 631.01 Ordinanza sulle dogane
OD Art. 159 Revoca dell'autorizzazione - (art. 54 LD) L'AFD revoca l'autorizzazione, se il titolare del deposito:
a  non adempie più i requisiti di cui all'articolo 54 capoverso 2 LD;
b  non rispetta le condizioni e gli oneri fissati nelle autorizzazioni; o
c  commette ripetutamente infrazioni contro il diritto federale, sempre che la relativa esecuzione spetti all'AFD.
PA: 2 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 2 A. Campo d'applicazione / II. Eccezioni / 1. Applicabilità parziale - II. Eccezioni 1. Applicabilità parziale
1    Gli articoli 12 a 19 e 30 a 33 non si applicano alla procedura in materia fiscale.
2    Gli articoli 4 a 6, 10, 34, 35, 37 e 38 si applicano alla procedura delle prove negli esami professionali, negli esami di maestro e negli altri esami di capacità.
3    Gli articoli 20 a 24 si applicano alla procedura delle commissioni di stima in materia d'espropriazione.
4    La procedura davanti al Tribunale amministrativo federale è retta dalla presente legge, in quanto la legge del 17 giugno 2005 1 sul Tribunale amministrativo federale non vi deroghi. 2
5 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 5 B. Definizioni / I. Decisioni - B. Definizioni I. Decisioni
1    Sono decisioni i provvedimenti delle autorità nel singolo caso, fondati sul diritto pubblico federale e concernenti:
a  la costituzione, la modificazione o l'annullamento di diritti o di obblighi;
b  l'accertamento dell'esistenza, dell'inesistenza o dell'estensione di diritti o di obblighi;
c  il rigetto o la dichiarazione d'inammissibilità d'istanze dirette alla costituzione, alla modificazione, all'annullamento o all'accertamento di diritti o di obblighi.
2    Sono decisioni anche quelle in materia d'esecuzione (art. 41 cpv. 1 lett. a e b), le decisioni incidentali (art. 45 e 46), le decisioni su opposizione (art. 30 cpv. 2 lett. b e 74), le decisioni su ricorso (art. 61), le decisioni in sede di revisione (art. 68) e l'interpretazione (art. 69). 1
3    Le dichiarazioni di un'autorità che rifiuta o solleva pretese da far valere mediante azione non sono considerate decisioni.
18 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 18 D. Accertamento dei fatti / III. Audizione di testimoni / 5. Diritti delle parti - 5. Diritti delle parti
1    Le parti hanno il diritto d'assistere all'audizione dei testimoni e di porre domande completive.
2    Per tutelare importanti interessi pubblici o privati, l'audizione dei testimoni può avvenire in assenza delle parti, e a queste può essere negato l'esame dei processi verbali d'interrogatorio.
3    Ove sia negato alle parti l'esame dei processi verbali d'interrogatorio, è applicabile l'articolo 28.
26 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 26 G. Esame degli atti / I. Principio - G. Esame degli atti I. Principio
1    Nella sua causa, la parte o il suo rappresentante ha il diritto di esaminare alla sede dell'autorità che decide o d'una autorità cantonale, designata da questa, gli atti seguenti:
a  le memorie delle parti e le osservazioni delle autorità;
b  tutti gli atti adoperati come mezzi di prova;
c  le copie delle decisioni notificate.
1bis    Se la parte o il suo rappresentante vi acconsente, l'autorità può notificare per via elettronica gli atti da esaminare. 1
2    L'autorità che decide può riscuotere una tassa per l'esame degli atti d'una causa definita; il Consiglio federale stabilisce la tariffa delle tasse.
29 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 29 H. Diritto di audizione / I. Principio - H. Diritto di audizione I. Principio
29e  35 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 35 J. Notificazione / I. Per scritto / 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico - 2. Motivazione e indicazione del rimedio giuridico
1    Le decisioni scritte, anche se notificate in forma di lettera, devono essere designate come tali, motivate, e indicare il rimedio giuridico.
2    L'indicazione del rimedio giuridico deve menzionare il rimedio giuridico ordinario ammissibile, l'autorità competente e il termine per interporlo.
3    L'autorità può rinunciare a indicare i motivi e il rimedio giuridico allorché la decisione sia interamente conforme alle domande delle parti e nessuna parte chieda la motivazione.
49 
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 49 E. Motivi di ricorso - E. Motivi di ricorso Il ricorrente può far valere:
a  la violazione del diritto federale, compreso l'eccesso o l'abuso del potere di apprezzamento;
b  l'accertamento inesatto o incompleto di fatti giuridicamente rilevanti;
c  l'inadeguatezza; questa censura non è ammissibile quando un'autorità cantonale ha giudicato come autorità di ricorso.
61
SR 172.021 Legge federale sulla procedura amministrativa
PA Art. 61 J. Decisione del ricorso / I. Contenuto e forma - J. Decisione del ricorso I. Contenuto e forma
1    L'autorità di ricorso decide la causa o eccezionalmente la rinvia, con istruzioni vincolanti, all'autorità inferiore.
2    La decisione del ricorso deve contenere la ricapitolazione dei fatti rilevanti, i motivi e il dispositivo.
3    Essa è notificata alle parti e all'autorità inferiore.
Registro DTF
106-IB-252 • 109-IB-246 • 113-II-204 • 115-IB-152 • 123-I-31 • 126-I-97 • 127-II-306 • 129-I-232 • 130-II-530 • 132-V-387 • 133-I-201 • 134-I-83 • 135-I-187 • 135-II-286 • 135-V-201 • 137-I-69 • 139-II-185 • 141-IV-249 • 142-II-218 • 142-II-49 • 143-II-1 • 143-III-65 • 144-I-11
Weitere Urteile ab 2000
1C_104/2010 • 4A_35/2010 • 8C_321/2009
Parole chiave
Elenca secondo la frequenza o in ordine alfabetico
ricorrente • diritto di essere sentito • deposito doganale • tribunale amministrativo federale • questio • interesse pubblico • circo • prima istanza • violazione del diritto • cio • esaminatore • analogia • e-mail • decisione • modificazione della prassi • libertà economica • diritto federale • menzione • ripetibili • calcolo
... Tutti
BVGE
2013/46 • 2009/36 • 2009/35 • 2007/29
BVGer
A-1876/2013 • A-2029/2010 • A-2186/2018 • A-2656/2018 • A-3056/2015 • A-3558/2013 • A-3757/2010 • A-3822/2016 • A-3913/2010 • A-5446/2016 • A-6362/2015 • A-7094/2010 • A-8035/2015
FF
2004/485
VPB
68.156