TPF 2018 118, p.118

19. Extrait du jugement de la Cour des affaires pénales dans la cause Ministère public de la Confédération et les parties plaignantes contre A. du 21 août 2018 (SK.2018.25)

Indemnisation du défenseur d'office; transfert du mandat
Art. 135
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
CPP

TPF 2018 118, p.119

Le défenseur d'office ne peut transférer son mandat à un tiers ou être substitué par un autre avocat qu'avec l'autorisation de la direction de la procédure. En l'absence d'une telle autorisation, l'activité d'avocat accomplie par un tiers ne peut pas donner lieu à une indemnisation en application de l'art. 135
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
CPP (consid. 11.3.2).

Entschädigung der amtlichen Verteidigung; Übertragung des amtlichen Mandats
Art. 135 StPO

Der amtliche Verteidiger darf sein Mandat nur mit Genehmigung der Verfahrensleitung an einen Dritten übertragen oder sich durch einen anderen Anwalt substituieren lassen. Ohne eine solche Genehmigung erbrachte anwaltliche Leistungen Dritter sind nicht entschädigungspflichtig im Sinne von Art. 135 StPO (E. 11.3.2).

Retribuzione del difensore d'ufficio; trasferimento del mandato
Art. 135
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
CPP

Il difensore d'ufficio non può trasferire il suo mandato ad un terzo o essere sostituito da un altro avvocato senza che vi sia l'autorizzazione da parte della direzione della procedura. In assenza di una simile autorizzazione l'attività compiuta da un terzo non può dare luogo a retribuzione ex art. 135
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
CPP (consid. 11.3.2).

Résumé des faits:

Par jugement du 9 mai 2017 (cause SK.2017.4), la Cour des affaires pénales a, notamment, reconnu A. coupable de plusieurs infractions. Par arrêt du 27 avril 2018 (cause 6B_911/2017), le Tribunal fédéral a partiellement admis le recours formé par A., annulé le jugement du 9 mai 2017 et renvoyé la cause à la Cour des affaires pénales pour une nouvelle décision s'agissant de la diminution de la responsabilité du prévenu, de la peine et du prononcé d'une éventuelle mesure (art. 56
SR 311.0 Codice penale svizzero
CP Art. 56 1. Principi
1    Una misura deve essere ordinata se:
a  la sola pena non è atta a impedire il rischio che l'autore commetta altri reati;
b  sussiste un bisogno di trattamento dell'autore o la sicurezza pubblica lo esige; e
c  le condizioni previste negli articoli 59-61, 63 o 64 sono adempiute.
2    La misura può essere pronunciata se la connessa ingerenza nei diritti della personalità dell'autore non sia sproporzionata rispetto alla probabilità e gravità di nuovi reati.
3    Per ordinare una misura prevista negli articoli 59-61, 63 e 64, come pure in caso di modifica della sanzione secondo l'articolo 65, il giudice si fonda su una perizia. La perizia verte su:
a  la necessità e le prospettive di successo di un trattamento dell'autore;
b  il genere e la probabilità di eventuali altri reati; e
c  la possibilità di eseguire la misura.
4    Se l'autore ha commesso un reato ai sensi dell'articolo 64 capoverso 1, la perizia dev'essere effettuata da un esperto che non abbia né curato né assistito in altro modo l'autore.
4bis    Se entra in linea di conto l'internamento a vita di cui all'articolo 64 capoverso 1 bis, il giudice, per ordinarlo, si fonda sulle perizie di almeno due periti esperti e reciprocamente indipendenti che non hanno né curato né assistito in altro modo l'autore. 1
5    Di regola il giudice ordina una misura soltanto se è disponibile un'istituzione adeguata.
6    La misura i cui presupposti non siano più adempiuti dev'essere soppressa.
SR 311.0 Codice penale svizzero
CP Art. 56 1. Principi
1    Una misura deve essere ordinata se:
a  la sola pena non è atta a impedire il rischio che l'autore commetta altri reati;
b  sussiste un bisogno di trattamento dell'autore o la sicurezza pubblica lo esige; e
c  le condizioni previste negli articoli 59-61, 63 o 64 sono adempiute.
2    La misura può essere pronunciata se la connessa ingerenza nei diritti della personalità dell'autore non sia sproporzionata rispetto alla probabilità e gravità di nuovi reati.
3    Per ordinare una misura prevista negli articoli 59-61, 63 e 64, come pure in caso di modifica della sanzione secondo l'articolo 65, il giudice si fonda su una perizia. La perizia verte su:
a  la necessità e le prospettive di successo di un trattamento dell'autore;
b  il genere e la probabilità di eventuali altri reati; e
c  la possibilità di eseguire la misura.
4    Se l'autore ha commesso un reato ai sensi dell'articolo 64 capoverso 1, la perizia dev'essere effettuata da un esperto che non abbia né curato né assistito in altro modo l'autore.
4bis    Se entra in linea di conto l'internamento a vita di cui all'articolo 64 capoverso 1 bis, il giudice, per ordinarlo, si fonda sulle perizie di almeno due periti esperti e reciprocamente indipendenti che non hanno né curato né assistito in altro modo l'autore. 1
5    Di regola il giudice ordina una misura soltanto se è disponibile un'istituzione adeguata.
6    La misura i cui presupposti non siano più adempiuti dev'essere soppressa.
CP). A la suite du renvoi du Tribunal fédéral, la cause a été enregistrée sous la référence SK.2018.25 et la Cour des affaires pénales a rendu son nouveau jugement le 21 août 2018.
A cette occasion, elle a notamment fixé l'indemnité revenant au défenseur d'office du prévenu A. pour l'activité accomplie dans la procédure SK.2018.25.

TPF 2018 118, p.120

Extrait des considérants:

11.3
11.3.1 Pour la présente procédure, la Cour a confirmé le mandat d'office de Maître M., avec effet au 18 mai 2018. A teneur de la note d'honoraires qu'il a déposée aux débats le 13 août 2018, Maître M. a consacré 19 heures et 45 minutes d'activité entre le 22 mai 2018 et le 10 août 2018 à la défense des intérêts d'A. Selon cette note, Maître N., avocate à U. et collaboratrice de Maître M., a également consacré 16 heures et 35 minutes d'activité à la défense des intérêts du prévenu durant cette période. Au tarif horaire de 300 fr., Maître M. a requis l'octroi d'une indemnité totale (hors TVA) de 10'900 fr. pour son activité et celle de Maître N., qui se chiffre à un peu plus de 36 heures cumulées, sans compter l'audience du 13 août 2018. S'agissant du temps de déplacement, la note indique trois heures (2 x 90 minutes) pour une visite de Maître N. au prévenu à la Prison E. et neuf heures (2 x 270 minutes) pour le trajet aller-retour de Maître M. entre U. et Bellinzone pour les débats le 13 août 2018. Au tarif horaire de 200 fr., Maître M. a requis l'octroi d'une indemnité totale (hors TVA) de 2'400 fr. pour ses déplacements et ceux de Maître N. Quant à ses débours, Maître M. les a chiffrés à 224 fr. pour les frais de déplacement en train entre U. et Bellinzone et à 174 fr. pour les frais d'une nuitée à Bellinzone.
11.3.2 Si l'activité de 19 heures et 45 minutes que Maître M. a consacrée à la défense des intérêts du prévenu entre le 22 mai 2018 et le 10 août 2018 est admise, il n'en va pas de même de l'activité de 16 heures et 35 minutes déployée par sa collaboratrice Maître N. durant la même période. En effet, lorsque la direction de la procédure a confirmé le 28 mai 2018 à Maître M. la validité de son mandat d'office pour la présente procédure, elle ne l'a pas autorisé à transférer ce mandat à un tiers ou à être substitué par un autre avocat. Il devait donc exécuter personnellement ce mandat d'office, sauf circonstances particulières (v. art. 398 al. 3
SR 220 Legge federale di complemento del Codice civile svizzero - Libro quinto: Diritto delle obbligazioni
CO Art. 398 C. Effetti / II. Obblighi del mandatario / 2. Responsabilità per fedele esecuzione / a. In genere - 2. Responsabilità per fedele esecuzione a. In genere
1    Il mandatario è soggetto in genere alle norme di responsabilità del lavoratore nel rapporto di lavoro. 1
2    Egli è responsabile verso il mandante della fedele e diligente esecuzione degli affari affidatigli.
3    Egli è tenuto ad eseguire personalmente il mandato, a meno che la sostituzione di un terzo non sia consentita od imposta dalle circostanze o ammessa dall'uso.
CO). Il faut relever que l'activité déployée par Maître N. dans la présente procédure est presque équivalente, dans sa durée, à celle déployée par Maître M. En outre, selon la note d'honoraires déposée, Maître N. s'est notamment entretenue à deux reprises en détention avec le prévenu, elle a rédigé la requête de preuves adressée à la Cour en prévision des débats et a accompli l'essentiel du travail de préparation pour les débats. Ces tâches relevaient pourtant de la responsabilité personnelle de Maître M. et il devait les accomplir lui-même. Le travail de Maître N. a donc excédé celui d'un simple auxiliaire auquel Maître M. pouvait confier des tâches accessoires sans autorisation (v. FELLMANN, Anwaltsrecht, 2e éd., 2017, n. 1214). Il n'apparaît pas non plus, faute de tout élément en ce sens, que Maître M. eût été dans l'impossibilité

TPF 2018 118, p.121

d'accomplir personnellement son mandat d'office et qu'il fût contraint de recourir aux services de sa collaboratrice. Il en résulte que l'activité de Maître N. était soumise à l'autorisation de la direction de la procédure. Faute d'une pareille autorisation, Maître M. ne peut pas prétendre à être indemnisé pour le travail accompli par sa collaboratrice. A cela s'ajoute qu'en raison de l'arrêt de renvoi du 27 avril 2018 du Tribunal fédéral, l'objet de la présente procédure était circonscrit à la diminution de la responsabilité pénale du prévenu, qui devait faire l'objet d'une nouvelle évaluation, ainsi qu'à la fixation de la peine et au prononcé d'une éventuelle mesure (art. 56
SR 311.0 Codice penale svizzero
CP Art. 56 1. Principi
1    Una misura deve essere ordinata se:
a  la sola pena non è atta a impedire il rischio che l'autore commetta altri reati;
b  sussiste un bisogno di trattamento dell'autore o la sicurezza pubblica lo esige; e
c  le condizioni previste negli articoli 59-61, 63 o 64 sono adempiute.
2    La misura può essere pronunciata se la connessa ingerenza nei diritti della personalità dell'autore non sia sproporzionata rispetto alla probabilità e gravità di nuovi reati.
3    Per ordinare una misura prevista negli articoli 59-61, 63 e 64, come pure in caso di modifica della sanzione secondo l'articolo 65, il giudice si fonda su una perizia. La perizia verte su:
a  la necessità e le prospettive di successo di un trattamento dell'autore;
b  il genere e la probabilità di eventuali altri reati; e
c  la possibilità di eseguire la misura.
4    Se l'autore ha commesso un reato ai sensi dell'articolo 64 capoverso 1, la perizia dev'essere effettuata da un esperto che non abbia né curato né assistito in altro modo l'autore.
4bis    Se entra in linea di conto l'internamento a vita di cui all'articolo 64 capoverso 1 bis, il giudice, per ordinarlo, si fonda sulle perizie di almeno due periti esperti e reciprocamente indipendenti che non hanno né curato né assistito in altro modo l'autore. 1
5    Di regola il giudice ordina una misura soltanto se è disponibile un'istituzione adeguata.
6    La misura i cui presupposti non siano più adempiuti dev'essere soppressa.
SR 311.0 Codice penale svizzero
CP Art. 56 1. Principi
1    Una misura deve essere ordinata se:
a  la sola pena non è atta a impedire il rischio che l'autore commetta altri reati;
b  sussiste un bisogno di trattamento dell'autore o la sicurezza pubblica lo esige; e
c  le condizioni previste negli articoli 59-61, 63 o 64 sono adempiute.
2    La misura può essere pronunciata se la connessa ingerenza nei diritti della personalità dell'autore non sia sproporzionata rispetto alla probabilità e gravità di nuovi reati.
3    Per ordinare una misura prevista negli articoli 59-61, 63 e 64, come pure in caso di modifica della sanzione secondo l'articolo 65, il giudice si fonda su una perizia. La perizia verte su:
a  la necessità e le prospettive di successo di un trattamento dell'autore;
b  il genere e la probabilità di eventuali altri reati; e
c  la possibilità di eseguire la misura.
4    Se l'autore ha commesso un reato ai sensi dell'articolo 64 capoverso 1, la perizia dev'essere effettuata da un esperto che non abbia né curato né assistito in altro modo l'autore.
4bis    Se entra in linea di conto l'internamento a vita di cui all'articolo 64 capoverso 1 bis, il giudice, per ordinarlo, si fonda sulle perizie di almeno due periti esperti e reciprocamente indipendenti che non hanno né curato né assistito in altro modo l'autore. 1
5    Di regola il giudice ordina una misura soltanto se è disponibile un'istituzione adeguata.
6    La misura i cui presupposti non siano più adempiuti dev'essere soppressa.
CP). En l'absence de complexité particulière, le cadre très restreint du nouveau jugement à rendre ne justifiait pas l'intervention de deux avocats. De surcroît, le temps consacré au dossier par Maître M. était suffisant pour assurer utilement la défense du prévenu. Dans ces circonstances, pour la période du 22 mai au 10 août 2018, seule l'activité exercée par Maître M., arrondie à 20 heures, doit être rémunérée. En ce qui concerne les débats le 13 août 2018, auxquels a participé Maître M., ils ont duré 3 heures et 30 minutes. Il faut y ajouter une heure de travail supplémentaire pour le temps de préparation des plaidoiries. En définitive, le temps utilement consacré par Maître M. à la défense des intérêts du prévenu dans la présente cause est arrêté à 24 heures et 30 minutes au total, débats compris. S'agissant du tarif horaire, il ne se justifie pas de s'écarter du tarif habituel de 230 fr. appliqué par la Cour, la présente cause n'ayant pas présenté de difficulté particulière sur le plan des faits ou du droit. TVA comprise, les honoraires de Maître M. sont donc arrêtés à 6'069 fr. ([24.5 x 230 fr.] x 107.7 %). En ce qui concerne le temps de déplacement, les neuf heures indiquées par Maître M. sont admises. Compte tenu du tarif horaire de 200 fr. applicable, l'indemnité y relative se chiffre, TVA comprise, à 1'938 fr. 60 ([9 x 200 fr.] x 107.7 %). Quant aux débours, les frais de déplacement en train pour le trajet U.-Bellinzone sont arrêtés à 203 fr., montant correspondant au prix du billet aller-retour en première classe demi-tarif (art. 13 al. 2 let. a
SR 173.713.162 Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale
RSPPF Art. 13 Spese
1    Le spese sono rimborsate secondo i costi effettivi.
2    Sono rimborsati al massimo:
a  per le trasferte in Svizzera: il costo del biglietto ferroviario di prima classe con l'abbonamento a metà prezzo;
b  per le trasferte in aereo dall'estero: il prezzo del volo in classe economica;
c  per il pranzo e la cena: gli importi di cui all'articolo 43 dell'ordinanza del DFF del 6 dicembre 2001 1 concernente l'ordinanza sul personale federale (O-OPers );
d  per il pernottamento colazione compresa: il costo di una camera singola in un albergo di categoria tre stelle, nel luogo dell'atto di procedura;
e  per fotocopia 50 centesimi, rispettivamente 20 centesimi per grandi quantità.
3    Invece del prezzo del biglietto ferroviario può essere accordata a titolo eccezionale, in particolare in caso di notevole risparmio di tempo, un'indennità per l'utilizzo del veicolo privato; tale indennità è fissata in funzione dei chilometri percorsi, conformemente all'articolo 46 O-OPers.
4    Se circostanze particolari lo giustificano, invece dei costi effettivi di cui al capoverso 2 può essere versato un importo forfettario.
du règlement du Tribunal pénal fédéral du 31 août 2010 sur les frais, émoluments, dépens et indemnités de la procédure pénale fédérale [RFPPF; RS 173.713.162]), et ceux de nuitée sont arrêtés à 174 fr. 10, conformément à la quittance déposée par Maître M. (art. 13 al. 2 let. d
SR 173.713.162 Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale
RSPPF Art. 13 Spese
1    Le spese sono rimborsate secondo i costi effettivi.
2    Sono rimborsati al massimo:
a  per le trasferte in Svizzera: il costo del biglietto ferroviario di prima classe con l'abbonamento a metà prezzo;
b  per le trasferte in aereo dall'estero: il prezzo del volo in classe economica;
c  per il pranzo e la cena: gli importi di cui all'articolo 43 dell'ordinanza del DFF del 6 dicembre 2001 1 concernente l'ordinanza sul personale federale (O-OPers );
d  per il pernottamento colazione compresa: il costo di una camera singola in un albergo di categoria tre stelle, nel luogo dell'atto di procedura;
e  per fotocopia 50 centesimi, rispettivamente 20 centesimi per grandi quantità.
3    Invece del prezzo del biglietto ferroviario può essere accordata a titolo eccezionale, in particolare in caso di notevole risparmio di tempo, un'indennità per l'utilizzo del veicolo privato; tale indennità è fissata in funzione dei chilometri percorsi, conformemente all'articolo 46 O-OPers.
4    Se circostanze particolari lo giustificano, invece dei costi effettivi di cui al capoverso 2 può essere versato un importo forfettario.
RFPPF). En définitive, l'indemnité revenant à Maître M. pour son activité de défenseur d'office dans la présente procédure est arrêtée à 8'384 fr. 70, TVA et débours compris.

TPF 2018 118, p.122
Informazioni decisione   •   DEFRITEN
Decisione : TPF 2018 118
Data : 21. agosto 2018
Pubblicato : 01. ottobre 2018
Corte : Tribunale penale federale
Stato : TPF 2018 118
Ramo giuridico : Corte penale
Regesto : Indemnisation du défenseur d'office; transfert du mandat


Registro di legislazione
CO: 398
SR 220 Legge federale di complemento del Codice civile svizzero - Libro quinto: Diritto delle obbligazioni
CO Art. 398 C. Effetti / II. Obblighi del mandatario / 2. Responsabilità per fedele esecuzione / a. In genere - 2. Responsabilità per fedele esecuzione a. In genere
1    Il mandatario è soggetto in genere alle norme di responsabilità del lavoratore nel rapporto di lavoro. 1
2    Egli è responsabile verso il mandante della fedele e diligente esecuzione degli affari affidatigli.
3    Egli è tenuto ad eseguire personalmente il mandato, a meno che la sostituzione di un terzo non sia consentita od imposta dalle circostanze o ammessa dall'uso.
CP: 56
SR 311.0 Codice penale svizzero
CP Art. 56 1. Principi
1    Una misura deve essere ordinata se:
a  la sola pena non è atta a impedire il rischio che l'autore commetta altri reati;
b  sussiste un bisogno di trattamento dell'autore o la sicurezza pubblica lo esige; e
c  le condizioni previste negli articoli 59-61, 63 o 64 sono adempiute.
2    La misura può essere pronunciata se la connessa ingerenza nei diritti della personalità dell'autore non sia sproporzionata rispetto alla probabilità e gravità di nuovi reati.
3    Per ordinare una misura prevista negli articoli 59-61, 63 e 64, come pure in caso di modifica della sanzione secondo l'articolo 65, il giudice si fonda su una perizia. La perizia verte su:
a  la necessità e le prospettive di successo di un trattamento dell'autore;
b  il genere e la probabilità di eventuali altri reati; e
c  la possibilità di eseguire la misura.
4    Se l'autore ha commesso un reato ai sensi dell'articolo 64 capoverso 1, la perizia dev'essere effettuata da un esperto che non abbia né curato né assistito in altro modo l'autore.
4bis    Se entra in linea di conto l'internamento a vita di cui all'articolo 64 capoverso 1 bis, il giudice, per ordinarlo, si fonda sulle perizie di almeno due periti esperti e reciprocamente indipendenti che non hanno né curato né assistito in altro modo l'autore. 1
5    Di regola il giudice ordina una misura soltanto se è disponibile un'istituzione adeguata.
6    La misura i cui presupposti non siano più adempiuti dev'essere soppressa.
CPP: 135
SR 312.0 Codice di diritto processuale penale svizzero - Codice di procedura penale
CPP Art. 135 Retribuzione del difensore d'ufficio
1    Il difensore d'ufficio è retribuito secondo la tariffa d'avvocatura della Confederazione o del Cantone in cui si svolge il procedimento.
2    Il pubblico ministero o l'autorità giudicante stabilisce l'importo della retribuzione al termine del procedimento.
3    In materia di retribuzione, il difensore d'ufficio può interporre reclamo:
a  alla giurisdizione di reclamo, contro la decisione del pubblico ministero o del tribunale di primo grado;
b  al Tribunale penale federale, contro la decisione della giurisdizione di reclamo o del tribunale d'appello cantonale.
4    Non appena le sue condizioni economiche glielo permettano, l'imputato condannato a pagare le spese procedurali è tenuto a:
a  rimborsare la retribuzione alla Confederazione o al Cantone;
b  versare al difensore la differenza tra la retribuzione ufficiale e l'onorario integrale.
5    La pretesa della Confederazione o del Cantone si prescrive in dieci anni dal momento in cui la decisione passa in giudicato.
RSPPF: 13
SR 173.713.162 Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale
RSPPF Art. 13 Spese
1    Le spese sono rimborsate secondo i costi effettivi.
2    Sono rimborsati al massimo:
a  per le trasferte in Svizzera: il costo del biglietto ferroviario di prima classe con l'abbonamento a metà prezzo;
b  per le trasferte in aereo dall'estero: il prezzo del volo in classe economica;
c  per il pranzo e la cena: gli importi di cui all'articolo 43 dell'ordinanza del DFF del 6 dicembre 2001 1 concernente l'ordinanza sul personale federale (O-OPers );
d  per il pernottamento colazione compresa: il costo di una camera singola in un albergo di categoria tre stelle, nel luogo dell'atto di procedura;
e  per fotocopia 50 centesimi, rispettivamente 20 centesimi per grandi quantità.
3    Invece del prezzo del biglietto ferroviario può essere accordata a titolo eccezionale, in particolare in caso di notevole risparmio di tempo, un'indennità per l'utilizzo del veicolo privato; tale indennità è fissata in funzione dei chilometri percorsi, conformemente all'articolo 46 O-OPers.
4    Se circostanze particolari lo giustificano, invece dei costi effettivi di cui al capoverso 2 può essere versato un importo forfettario.
Weitere Urteile ab 2000
6B_911/2017
Parole chiave
Elenca secondo la frequenza o in ordine alfabetico
d'ufficio • corte penale del tribunale penale federale • tribunale federale • decisione • tribunale penale federale • indennità • difesa d'ufficio • calcolo • nullità • onorario • dibattimento • decisione di rinvio • commisurazione della pena • tribunale penale • arringa • procedura penale • spostarsi • lavoro straordinario
BstGer Leitentscheide
TPF 2018 118
Sentenze TPF
SK.2017.4 • SK.2018.25